La storia di Gigliola Cinquetti e chi sono i figli Giovanni e Costantino Teodori


Gigliola Cinquetti ha sposato nel 1979 il giornalista Luciano Teodori (nato nel 1950). Come musicista, la Cinquetti ha inizialmente tenuto segreto il suo matrimonio per motivi professionali. È tuttora felicemente sposata con Teodori, con il quale ha avuto due figli, Giovanni (1980) e Costantino (1984), che nel 2013 hanno partecipato al reality show Pechino Express. Il figlio maggiore, Giovanni, oltre a essere un architetto di successo, è un noto storico, giornalista e personaggio televisivo. Lavora tra l’Italia e la Svizzera.

La famiglia Gigliola Cinquetti-Luciano Teodori ha avuto un maschio, Giovanni, il 10 ottobre 1980, a Verona, e un figlio, Costantino, il 22 agosto 1984, sempre a Verona. Sono i genitori di Giovanni e di un fratellastro, Costantino. Giovanni è un giornalista e uno storico riconosciuto a livello internazionale per le sue trasmissioni televisive. La madre, Luciana Cinquetti, ha condotto con Giovanni il programma Di Che Sogno Sei su RaiSat Extra nel 2004 (prodotto dal padre, Luciano Teodori). Inoltre, Costantino è un architetto libero professionista di successo, con una laurea in architettura (Svizzera e Nord dello Stivale) e numerose mostre tra Svizzera e Serbia (e un buon numero di esse in Italia). Vive a Roma.

Gigliola Cinquetti è nata a Verona (Italia) il 20 dicembre 1947. Ha vinto l’Eurovision nel 1964 e stava per vincerlo per la seconda volta nel 1974. È una delle cantanti italiane più conosciute a livello internazionale. Ha toccato tutti i terreni possibili dell’artista ed è considerata dai seguaci di Eurovision come una delle migliori interpreti nella storia di questo Contest.

Gigliola e Rosabianca, sua sorella, nata lo stesso anno di Massiel, France Gall e Michelle Torr, anch’esse grandi vincitrici dell’Eurovision. Suo padre si chiamava Luigi e sua madre Sara, che secondo la stessa Gigliola “era una specialista nel fare frittelle al miele”. Ha una sorella di venti mesi più grande di lei, Rosabianca, Robbie nell’ambiente familiare. La prima esperienza artistica di Gigliola risale all’età di cinque anni. Ha fatto uno spettacolo teatrale.

Ha ricevuto lezioni di pianoforte con sua sorella e, secondo i suoi insegnanti, è già emersa come una ragazza con un grande senso musicale. Ma il debutto come cantante è al teatro Ristori di Verona nel 1959 con un cast di artisti di varietà. Secondo lei, “il suo cuore batteva forte quando è salita sul palco come cantante per la prima volta, anche se la sua voce è rimasta ferma”.

Nel 1963 partecipò a un concorso radiofonico a Venezia e il prestigioso baritono Gino Becchi disse di lei “che la sua voce era autentica perché non era imposta o forzata e cantava come se parlasse”. Questo ha lusingato molto Gigliola e credo che la descrizione sia molto accurata perché il suo stile è molto particolare. Voce che si è innamorata degli italiani fin dall’inizio e del mondo dopo. È salita molto in alto in poco tempo, affascinando personaggi come Iva Zanicchi, Bobby Solo, Paul Anka, La Mistinguette, Maurice Chevalier o Mina, che ha sempre elogiato l’interprete e l’ha difesa nei suoi primi giorni.

Nell’agosto del 1963 la RAI la invita a Milano per fare un provino per il canale televisivo. È apparso così in un concorso per voci nuove e grazie all’imprenditore Gianni Ravera è andato a Sanremo. Ha superato molte prove e turni di qualificazione con più di 128 candidati, è stato tra i dieci prescelti. Partecipa al prestigioso Festival di Sanremo italiano il 30 gennaio 1964 con “Non ho l’étà” di Mario Panzeri e Nicola Salerno con arrangiamenti di Gianfranco Monaldi. Questo tema doveva essere interpretato da due persone, lei e Patricia Carli. Ma il trionfo è andato a Gigliola Cinquetti che ha lasciato il pubblico a bocca aperta con la sua semplicità e la sua splendida voce.

È stato un anno controverso per la presenza di Bobby Solo che è stato squalificato con “Una lacrima sul viso” a causa di una grave faringite che lo costringeva a cantare in plaback, cosa che in quegli anni non gli era perdonata. Non è stata mancanza di onestà del cantante, ma imposizioni della casa discografica e dei suoi uomini d’affari.

Dopo San Remo, come per lanciarsi nel successo e seguire la tendenza dell’Italia di quegli anni, Gigliola andò all’Eurovision nella sua nona edizione, che si tenne nella città danese di Copenaghen, alla Tivoli Concert Hall. Una ragazza che aveva appena lasciato il suo paese, era stata solo in Francia in uno spettacolo con Maurice Chevalier, è stata vista in mezzo al Festival per tutta l’Europa. E ha anche vinto con una
differenza rispetto a concorrenti come Matt Monro o Romuald.

Lei sola, all’età di 16 anni, ha portato il suo primo trionfo per l’Italia, che la cercava fin dalla prima edizione nel 1956 e sfiorava la vittoria nel 1963 con Emilio Pericolli terzo a Londra. Polemiche anche con il “Non ho l’étà” di Copenaghen. La canzone è durata più di tre minuti, è passata in 19 secondi e l’EBU ha costretto i compositori ad accorciarla fino a quando non sono stati rispettati i canoni.

È così che è stato fatto ed è per questo che la versione discografica è più lunga di quella che è stata realizzata dal vivo all’Eurovision. Hanno rimosso una strofa e tutti erano così felici. Non importava, questa ragazza quando ha finito la sua canzone ha ricevuto una fragorosa ovazione.

E che quell’anno c’era qualcosa torbido per lo scandalo sorto quando un manifestante si è espresso con uno striscione contro le dittature in Spagna e Portogallo. Ha dovuto essere sfrattato dalla stanza con cattive maniere, questioni di diplomazia in piena aria. In effetti, qual è stata la colpa del TNT e di Antonio Calvario. E’ stata una sorta di boicottaggio di queste due delegazioni, che non ha toccato la delegazione italiana, ma secondo le sue dichiarazioni successive “ha avuto un po’ di paura per l’inganno messo in scena dal vivo”.

Non ho l’étà divenne un fenomeno sociale. È stato riprodotto più e più volte su tutte le stazioni radio in Europa. In Spagna la Cinquetti era popolare quanto qualsiasi cantante spagnolo. Le sue canzoni sono state tradotte in spagnolo. È apparso in diverse occasioni su TVE.

Le sue canzoni molto famose in Spagna erano La pioggia -La lluvia- e Cero en amor, entrambi nel 1969. Yo soy aquí quien manda y Gira el amor trionfò nel 1972 e Sí nel 1974, tra molti altri. Il suo successo fu così grande che Papa Paolo VI lo ricevette in udienza in Vaticano. Gigliola e la sua canzone sono state un esempio per la gioventù italiana secondo la Chiesa e la Democrazia Cristiana Italiana, perché la ragazza non era abbastanza grande per amare. Abbiamo dovuto aspettare il matrimonio. Una lettera totalmente moralistica che ebbe molto successo anche nella Spagna franchista.

Anche così, e nonostante il candore della Cinquetti, sono sicuro che avesse qualcosa di indicibile che non abbiamo mai scoperto, visto che alla bella italiana non mancavano mai i fidanzati. Le riviste di gossip dell’epoca non smettevano di fare previsioni i loro idilli e distorcono la presunta verginità dei Cinquetti. Dopo aver vinto l’Eurovision, ha girato con Maurice Chevalier a Paris Italian Lesson.
Gigliola Cinquetti ha cantato Yes –di Mario Panzeri, Danielle Pace, Laurenzo Pilat e Carrado Conti- sotto la direzione di Gianfranco Monaldi.

Hanno vinto la Canzonissima ’74. La canzone è stata vittima di una dura carica politica dal suo paese. Il 7 aprile ’74 si tenne in Italia il referendum sulla legge sul divorzio. La destra e la sinistra si sono scontrate in un paese di forti convinzioni religiose. Proprio la Cinquetti, ragazza modello degli anni Sessanta, fu benedetta dallo stesso Papa quando vinse con Non ho l’étà. Prima diceva che non era abbastanza grande per amare e ora diceva dolcemente di sì.

Sinceramente si dava un senso politico a quel sì, del tutto opportuno, che non ce l’aveva. La destra democristiana era al governo e per ogni evenienza la RAI non ha trasmesso il Festival fino alla settimana successiva all’evento. Temevano che questo sì fosse una pretesa per gli italiani di votare sì al divorzio.

L’Italia non ha visto dal vivo il trionfo degli ABBA, ma si è anche persa l’onorevole secondo posto di Gigliola grazie ai 18 voti assegnati dalle giurie. La Spagna gli ha dato 2 punti. Se la RAI pensava che questo non avrebbe influito sul referendum si sbagliava perché alla fine il Sì ha vinto con il 60% dei voti contro il 40% dei contrari.

Quanto a Gigliola Cinquetti, dopo il Festival del ’74, dove arrivò al secondo posto dietro al gruppo degli ABBA, continuò a trionfare in Europa. È stato il numero uno per alcune settimane nel Regno Unito con “Yes”. Ha sposato il giornalista italiano Luciano Teodori il 13 aprile 1979, nella Basilica di Santo Stefano a Verona, nel più puro segreto.

Non so perché, comunque, ero abbastanza grande per amare. È sempre stata molto riluttante a parlare della sua vita privata. Aveva già avuto una storia d’amore di alto profilo con uno studente di giurisprudenza di nome Vittorio Selmo nel 1969, durata solo due anni perché era un po’ contrario alla frenetica vita artistica di Gigliola, in pieno successo commerciale in Europa. È stato molto seguito dai tabloid italiani, francesi e spagnoli quasi sempre, coprendo copertine famose in Italia. È forse uno dei personaggi più noti di quel paese.

Luciano, suo marito? Con lui ha avuto due figli, Giovanni e Costantino nati rispettivamente nel 1980 e nel 1984. La sua vita è stata tra Roma e Verona, la sua città natale, che non ha mai voluto lasciare per cose importanti, come il suo matrimonio e la nascita dei suoi figli.

Ha rinunciato alla sua carriera solo quando lo era incinta e mentre i suoi figli erano piccolissimi, ma ha ripreso subito a lavorare con programmi televisivi, telefilm o nuove e costanti partecipazioni a Canzonissima o al Festival di Sanremo, come conduttrice o interprete. Nel ’91 ha presentato l’Eurovision Song Contest a Roma insieme a Toto Cutugno –vincitore per l’Italia nel ’90- A 55 anni è ancora in piena forma. Ha mantenuto un’immagine e uno stile intatti, di estrema eleganza, anche se come possiamo vedere in alcune foto è stata una bravissima commessa e si è vestita all’occorrenza, meravigliosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *