Chi è Gina Lollobrigida? Età causa morte, marito, figlio, dove è nata, dove viveva, carriera e biografia


Luigia Lollobrigida ( Subiaco , 4 luglio 1927 Roma , 16 gennaio 2023 ) , nota come Gina Lollobrigida , è stata un’attrice, fotoreporter e politica italiana. Come attrice, è riuscita a ottenere numerosi riconoscimenti, tra cui sette premi David de Donatello (quattro dei quali onorari), un Golden Globe , sette premi Bambi , un premio al Festival internazionale del cinema di Berlino , un premio Henrietta e una stella sul Paseo della fama di Hollywood . Negli anni ’50 e nei primi anni ’60 riuscì ad affermarsi come una delle attrici europee più note, oltre ad essere i periodi in cui era considerata un sex symbol internazionale. Al momento della sua morte nel 2023, era tra gli ultimi rappresentanti sopravvissuti delcinema classico di Hollywood.

Con il rallentamento della sua carriera cinematografica, Lollobrigida ha avviato una seconda carriera come fotoreporter. Negli anni ’70 ottenne uno scoop quando gli fu data l’opportunità di condurre un’intervista esclusiva con Fidel Castro .

Lollobrigida ha mostrato il suo attivo sostegno alle cause italiane e italo-americane, in particolare alla National Italian American Foundation (NIAF). Nel 2008, ha ricevuto il NIAF Lifetime Achievement Award al Gala dell’Anniversario della Fondazione. Nel 2013, ha venduto la sua collezione di gioielli, donando quasi 5 milioni di dollari dalla vendita a beneficio della ricerca sulla terapia con cellule staminali .

Biografia e carriera

Infanzia

Era una delle quattro figlie nate da un mobiliere, Giovanni Lollobrigida, e sua moglie, Giuseppina Mercuri (le sue sorelle si chiamavano Giuliana, Maria e Fernanda). Hanno trascorso la loro giovinezza in un pittoresco villaggio di montagna italiano . In un bombardamento alleato durante la seconda guerra mondiale , l’azienda di famiglia fu distrutta. Dopo il conflitto armato, la famiglia si trasferisce a Roma e lì Gina inizia a studiare canto e arte (pittura e scultura) grazie ad una borsa di studio .

Gli esordi nel cinema

Già adolescente, ha lavorato come modella in alcune sfilate di abbigliamento e ha partecipato con successo a vari concorsi di bellezza, come Miss Roma , dove è arrivata seconda. In questo periodo ha iniziato ad apparire nei film in Italia. Nel 1947 si classificò terza al concorso di Miss Italia , concorso che fece la storia riunendo diverse future star: la vincitrice fu Lucia Bosè , al secondo posto Gianna Maria Canale , ed Eleonora Rossi Drago fu squalificata perché sposata e era madre, condizioni che cozzavano con le regole del concorso. Un’altra delle partecipanti era Silvana Mangano. Questo evento è stato molto importante per la carriera di Gina Lollobrigida, poiché le ha dato una reputazione che le ha aperto le porte del successo.

Si diceva che, dopo aver visto Gina in un film italiano, l’eccentrico milionario Howard Hughes fosse volato da Hollywood nel 1947 per vederla, ma tale visita non la fece trasferire negli Stati Uniti: Gina rimase in Italia, e nel 1949 si è sposata con un medico sloveno nome Milko Škofič. Con lui ebbe un figlio: Andrea Milko  (Milko Škofič Jr.), ma la coppia finì per divorziare nel 1971.

Lollobrigida con Raymond Pellegrin in Donna di Roma (1954).

Nel 1950 Gina Lollobrigida accettò di recarsi a Hollywood assunta da Hughes, che la ospitò all’hotel Town House su Wilshire Boulevard. Ma all’epoca parlava pochissimo inglese e dopo sei settimane è tornata a casa perché si sentiva ” sorvegliata costantemente ” da lui. In questi anni lavora a film italiani di registi come Luigi Zampa e Alberto Lattuada ; ma ha attirato l’attenzione dei produttori di Hollywood grazie a successi di maggior incasso, come Pane, amore e fantasia di Luigi Comencini (insieme a Vittorio de Sica ), per il quale è stata nominata per un BAFTA Award , e Fanfan la Tulipe (1952) , diChristian-Jacque (insieme a Gerard Philipe ).

Debutto hollywoodiano

Il debutto di Gina Lollobrigida nell’industria americana è stato imbattibile: con un ruolo rilevante in La burla del diablo ( Beat the Devil , 1953), film di John Huston girato in Italia, dove ha condiviso il conto con Humphrey Bogart e Jennifer Jones . Ha poi recitato nella coproduzione franco-italiana di Robert Siodmak The Great Game , Crossed Swords con Errol Flynn , alternando lavori tra Hollywood e l’Italia.

Man mano che la sua fama cresceva, guadagnava più seguaci tanto da essere considerata ” la donna più bella del mondo “. Questa espressione le cadeva addosso per due motivi: era il titolo di un film in cui interpretava la parte principale, La donna più bella del mondo ( La donna più bella del mondo , 1955), di Robert Z. Leonard , dove recitava fianco a fianco con Victor Gassman . Il film racconta la vita della vedetta , soprano e attrice cinematografica Lina Cavalieri  E curiosamente, Gina è stata in grado di mostrare le sue capacità di cantante in questo nastro, poiché la sua voce non è stata doppiata nelle scene musicali. Con questo lavoro vince il nuovo premio David de Donatello , istituito nello stesso anno dall’Accademia del Cinema Italiano. Per i film successivi ne avrebbe vinti altri due, oltre a quattro titoli onorifici.

Periodo di massimo splendore a hollywood

Il suo periodo di splendore nel cinema è durato circa quindici anni, tra la metà degli anni Cinquanta e i primi anni Settanta.

Lollobrigida posa con il suo Premio David di Donatello per la migliore attrice, ricevuto nel 1956 durante la prima cerimonia di premiazione.

Ha fatto un’apparizione notevole nel film Trapeze (1956) con Burt Lancaster e Tony Curtis , e nello stesso anno ha recitato in Nostra Signora di Parigi , un adattamento del popolare romanzo di Victor Hugo su Il gobbo di Notre Dame . In detto film ha interpretato la bellissima Esmeralda, mentre il ruolo di Quasimodo è stato interpretato da Anthony Quinn .

Nel 1958, il blockbuster di King Vidor Solomon and the Queen of Sheba fu girato in Spagna , un progetto che fu influenzato dalla morte improvvisa del protagonista maschile, Tyrone Power . Dopo diverse settimane di interruzione delle riprese, Yul Brynner lo ha sostituito , dovendo ripetere le parti già girate da Power, ad eccezione di alcune scene da lontano, che sono state utilizzate. Il film non ha subito perdite perché la ditta Lloyd’s di Londra , con la quale era stata stipulata un’assicurazione , ha risposto pagando $ 100.000 per ogni settimana di ritardo; e dopo la sua prima Solomon and the Queen of Shebaha ottenuto un notevole successo al botteghino: 12,2 milioni raccolti contro il budget 5.

Gli anni successivi furono molto attivi per l’attrice. Nel 1959, ha lavorato con Frank Sinatra e Paul Henreid in Never So Few ( When Blood Boils ), durante il quale si diceva avesse avuto una relazione con Sinatra, e ha anche girato The Law con il francese Yves Montand . Nel 1961 realizza Desnuda frente al mundo , con Anthony Franciosa ed Ernest Borgnine , e uno dei film più apprezzati, When September Comes ( Yours in September ), con Rock Hudson , per il quale vince l’ Henrietta Award ., premio speciale Golden Globes . Nel 1965 torna a collaborare con Rock Hudson in Strange Bedfellows ( Room for two ). Nel 1962 ha interpretato Paulina Bonaparte in Venere imperiale (insieme a Stephen Boyd ), ruolo per il quale ha vinto il suo secondo David di Donatello. Nel 1964 gira con Sean Connery il thriller Woman of Straw ( The Straw Woman ), e nel 1966 lavora con Alec Guinness nel film Hotel Paradiso . Nello stesso anno interpreta una prostituta nel film Cervantes, sul famoso scrittore spagnolo, dove ha lavorato al fianco di Horst Buchholz , José Ferrer , Paco Rabal e Fernando Rey sotto la direzione di Vincent Sherman .

Nel 1968, accompagnata da Shelley Winters , Phil Silvers e Telly Savalas , ha interpretato il ruolo della protagonista in Buona Sera, Mrs. Campbell , un film la cui trama avrebbe ispirato il musical Mamma Mia! , poi portato al cinema. [ citazione necessaria ] Con questo film ha vinto il suo terzo David de Donatello.

Nonostante sia stato un grande successo a Hollywood, non è mai stato candidato agli Oscar, ma prova della sua popolarità è che è stato scelto per consegnare a Billy Wilder il premio per la migliore regia per il film The Apartment alla 33a cerimonia di premiazione.Oscar ( 1961).

Anni ’70

All’inizio degli anni ’70, la sua carriera cinematografica rallentò nonostante avesse girato due commedie con Bob Hope e David Niven ; e ha fatto solo poche apparizioni, in produzioni generalmente minori. Rinsalda i contatti con il cinema spagnolo: nel 1971 gira uno spaghetti western di Eugenio Martín , El hombre de Río Malo , insieme a James Mason e Lee van Cleef , e nel 1973 Non trovai rose per mia madre , di Rovira-Beleta , insieme a Danielle Darrieux . Verso la fine del decennio ha ridotto la sua attività nel cinema mentre ha ripreso la sua sfaccettatura come fotografa e scultrice.

In campo televisivo, nel 1972 partecipa alla serie Le avventure di Pinocchio , regia di Luigi Comencini.

Attività artistica: fotografia e scultura

Fu in questo periodo che iniziò quella che sarebbe diventata una carriera di successo come fotoreporter . Tra gli altri, ha scattato istantanee di Paul Newman , Audrey Hepburn , Salvador Dalí e della squadra di calcio della Germania Ovest , e ha anche rilasciato un’intervista giornalistica esclusiva a Fidel Castro . Nel 1973 una raccolta delle sue opere viene pubblicata su Italia Mia .

Ha perseguito altri interessi, tra cui la scultura. Nel 1978, ha mostrato la sua bellezza matura come membro della giuria al XIX Festival internazionale della canzone di Viña del Mar , in cui ha annunciato il Cile come vincitore del concorso.

Ricomparsa in Falcon Crest e ultima tappa

Era il 1984 quando tornava trionfalmente sugli schermi televisivi negli Stati Uniti come parte di alcuni capitoli di Falcon Crest nel ruolo di Francesca Gioberti. A quasi sessant’anni mostrava uno splendido stato di forma: in una scena della serie ballava la tarantella, e per il suo ruolo è stata nominata per un Golden Globe come migliore attrice protagonista. In realtà il suo ruolo sarebbe rimasto per la maggior parte degli episodi della quarta stagione come veloce sostituto di Sophia Loren, prima scelta già fissata per il ruolo di Francesca. Tuttavia, il rifiuto dell’ultimo minuto di Sophia e, dato l’obbligo che il personaggio doveva essere apparentemente italiano (culla della famiglia protagonista della serie), i produttori hanno raggiunto una rapida trattativa con Lollobrigida. Tuttavia, nonostante il clamore dell’incorporazione di Gina come personaggio fisso e l’enorme guardaroba preparato per lei per la quarta stagione (in diretta concorrenza con Alexis Carrington di “Dynasty”), sorprendentemente è apparsa solo in cinque episodi. Inoltre,

Nel 1986 ha partecipato a due episodi dell’altrettanto popolare serie Vacanze al mare ( The Love Boat ). Nel 1990 ha ricevuto l’ASP International Award dall’American Society of Photographers per la sua carriera nella fotografia.

Ha fatto alcune apparizioni minori negli anni ’90 e nel 1996 ha vinto un premio speciale David de Donatello come riconoscimento alla sua carriera. Dieci anni dopo ne vinse un altro, a ricordo del primo che aveva ottenuto cinquant’anni prima, nella prima edizione del premio.

Nel 1999 ha fatto la sua incursione in politica , ma non se l’è cavata bene alle elezioni del Parlamento europeo poiché non è riuscito a conquistare nessuno degli 87 seggi assegnati all’Italia. Ha anche ricoperto incarichi in aziende cosmetiche e di moda . Praticamente ritirata dalle scene, non fa film dal 1997.

Il 16 ottobre 1999 è stata nominata Ambasciatrice di buona volontà per l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

Anni dopo

Nell’ottobre 2006 , all’età di settantanove anni, ha annunciato alla rivista di gossip spagnola ¡Hola! la storia d’amore con l’uomo d’affari spagnolo Francisco Javier Rigau y Rafols , all’epoca quarantacinque anni, e la sua intenzione di sposarsi alla fine di quell’anno . Ha spiegato che si conoscevano da molti anni, da quando si erano conosciuti a una festa nel 1984, e che in seguito avevano appuntamenti segreti, Sebbene molte fonti abbiano messo in dubbio questa affermazione, a causa della giovane età di Rigau. La data del matrimonio era stata fissata per il 6 dicembre 2006 a causa delle continue pressioni dei media, ma è stata successivamente annullata e la relazione si è interrotta, secondo loro perché le molestie giornalistiche lo rendevano difficile.

Nel gennaio 2013, la passata relazione con Rigau è tornata nelle cronache quando ha rivelato una presunta truffa: Rigau aveva inscenato (aiutato da un impostore definito Gina) un matrimonio civile a Barcellona . Con un piano così bizzarro Rigau cercherebbe (se le accuse sono vere) di guadagnarsi lo status di erede dell’attrice. Secondo vari organi di stampa, anni prima Rigau era riuscito a far firmare (con l’inganno) a Lollobrigida alcune carte che ufficializzavano le nozze o quantomeno dei poteri ereditari. Il 9 maggio 2014, l’attrice si è recata a testimoniare in un tribunale di Barcellona, ​​dove ha ribadito di non aver mai formalizzato un’unione matrimoniale con Rigau e ha chiesto che venissero eseguiti dei test calligrafici.

Nel febbraio 2018, a novant’anni, è stata premiata con un’iconica stella a suo nome sulla Hollywood Walk of Fame .

Nel 2021, suo figlio ha iniziato una guerra per la sua fortuna, sostenendo che sua madre ” non aveva piena autorità ” per gestire il suo enorme patrimonio. Ma nell’agosto 2022, all’età di novantacinque anni, Gina annunciò di candidarsi per un partito antisistema ed euroscettico alle elezioni italiane . L’attrice stava cercando un seggio al Senato alle elezioni del 25 settembre, affermando di essere stanca di politici che si limitavano a litigare e non arrivavano da nessuna parte, spiegando che Gandhi era la sua ispirazione.

Morte

Il 16 gennaio 2023 Lollobrigida si spegne a Roma all’età di 95 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *