Femminicidio ad Andria: Un uomo uccide la moglie e chiama il 118



Andria, Puglia – Ancora una volta, siamo costretti a confrontarci con un tragico femminicidio, un evento che ha avuto luogo in una tranquilla zona rurale ad Andria, vicino alla SP 231. Secondo le prime informazioni, è stato proprio l’aggressore a chiamare i soccorsi dopo aver compiuto il terribile gesto.



Le grida strazianti dei bambini al telefono

Durante la chiamata al 118, l’uomo che ha brutalmente ucciso sua moglie con un coltello ha confessato il suo crimine con le seguenti parole: “L’ho ammazzata, venite”. Questo spaventoso evento si è svolto sotto gli occhi terrorizzati dei loro figli, i quali, secondo quanto riferito dagli investigatori che hanno ascoltato la registrazione, hanno sentito le urla in sottofondo.

La vittima, una donna coraggiosa che cercava di liberarsi da una relazione tossica

Immediatamente dopo la chiamata, squadre di soccorso e carabinieri si sono precipitati sul luogo del delitto, dove hanno fatto una macabra scoperta: il corpo senza vita della donna, Vincenza, giaceva a terra. Le prime informazioni suggeriscono che Vincenza volesse separarsi dal marito. Negli ultimi mesi, avevano vissuto separati nella stessa casa, ma l’uomo non accettava la fine della relazione.

Questo tragico episodio mette ancora una volta in luce il grave problema della violenza domestica e della difficoltà che molte donne affrontano nel cercare di liberarsi da relazioni abusive. È fondamentale che la società prenda coscienza di questi problemi e lavori insieme per prevenire futuri atti di violenza e proteggere coloro che sono vulnerabili.



Lascia un commento