Maurizio Mattioli un grande dolore la morte della moglie Barbara Divita. Ecco com’è andata - Controcopertina
Seguici su Google News

Maurizio Mattioli un grande dolore la morte della moglie Barbara Divita. Ecco com’è andata

Grande tristezza nella vita dell’attore Maurizio Mattioli per la scomparsa della moglie Barbara Divita.

Negli ultimi anni, il noto attore, doppiatore e comico Maurizio Mattioli ha incontrato immense difficoltà. Il 16 ottobre 2014, la moglie Barbara Divita è venuta a mancare dopo sette anni di complicazioni legate a un incidente. La coppia era sposata dal 1977 e non aveva avuto figli. Questo evento ha lasciato un segno indelebile nell’artista.

Maurizio Mattioli è stato colto di sorpresa dal dramma che si è consumato.

Maurizio Mattioli ha parlato a Storie Italiane dell’impatto devastante dell’incidente della moglie. Per lui è stato particolarmente difficile assistere alla sua sofferenza, sapendo che non aveva alcuna possibilità di recupero. La donna è rimasta permanentemente invalida, perdendo la capacità di usare gli arti inferiori e, di conseguenza, smettendo di camminare. Purtroppo, le sue condizioni di salute sono peggiorate nel tempo fino ad arrivare a un esito tragico.

Maurizio Mattioli ha impiegato molto tempo per tornare a vivere e a ritrovare la serenità, soprattutto grazie all’aiuto dei suoi familiari e amici più stretti, tra cui i fratelli Vanzina. Lo stesso Mattioli ha dichiarato che “tutto è andato bene in termini di lavoro” dopo l’incidente.

Sono grato per l’amore e il sostegno che ho ricevuto, ma non mi considero un individuo fortunato. Anche se attualmente sto avendo successo nella mia arte, la mia vita personale sta attraversando un periodo difficile da quando mia moglie è rimasta paralizzata in un incidente stradale. Capisco che tutto questo fa parte della vita e che bisogna andare avanti indipendentemente dal risultato. Per fortuna ho molti amici su cui posso contare e che mi sono stati vicini in tutto questo, e sono grato per i buoni rapporti che ho coltivato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *