Un tragico incidente domestico: come una poltrona elettrica ha portato alla morte di una coppia



Questo articolo in breve

Una quiete serata a Bagno a Ripoli, Firenze, si è trasformata in una tragedia quando un feroce incendio ha consumato un terratetto, portando alla morte di una coppia anziana. Umberto Della Nave, 84 anni, e sua moglie Dina Del Lungo, 83 anni, hanno perso la vita in circostanze scioccanti. Le fiamme hanno lasciato la comunità inorridita e le indagini sono in corso.



Il terribile incendio è scoppiato martedì sera, il 5 dicembre, nell’appartamento di via Roma a Bagno a Ripoli. Le fiamme hanno devastato la struttura, impedendo ogni possibilità di fuga per la coppia anziana. I vigili del fuoco, con l’aiuto del personale di Pontassieve e della sede centrale di Firenze, sono arrivati tempestivamente sulla scena dopo la segnalazione dell’incendio. Tuttavia, nonostante i loro sforzi eroici, non sono riusciti a salvare Umberto e Dina.

Le prime indagini suggeriscono che un cortocircuito causato da una poltrona elettrica potrebbe essere stato l’origine dell’incendio. Dina Del Lungo, che era invalida, è stata intrappolata dalle fiamme, incapace di scappare dalla furia dell’incendio. Suo marito, Umberto, ha tentato coraggiosamente di salvarla, ma entrambi hanno perso la vita in questa tragedia inimmaginabile. La coppia era conosciuta e rispettata nella comunità locale, avendo gestito una bottega per molti anni. Vivevano da soli, con l’assistenza occasionale di una badante, che fortunatamente non era presente al momento dell’incendio.

La notizia ha sconvolto la comunità, che ora è in lutto per la perdita di due individui tanto amati. Il sindaco Francesco Casini, insieme ai carabinieri e alla polizia municipale, si è recato sul luogo dell’incidente per offrire le condoglianze alla famiglia e monitorare gli sviluppi dell’indagine. Il pubblico ministero ha disposto il trasferimento delle salme presso l’istituto di medicina legale per l’autopsia, al fine di fare luce sulle circostanze precise di questa tragica fatalità.



Lascia un commento