Borseggiatrici sui mezzi pubblici? La sconcertante dichiarazione di Landini contro chi si impegna giornalmente a proteggere i passeggeri dai loro atti illeciti



La CGIL ha lanciato un attacco contro Simone Cicalone, noto youtuber romano, per i suoi reportage sui quartieri difficili e il degrado urbano.



La CGIL ha preso posizione contro Simone Cicalone, youtuber famoso per i suoi video in stile “Brumotti” in cui esplora i quartieri più difficili di Roma e di altre città italiane. Negli ultimi tempi, i suoi reportage si sono focalizzati sui borseggiatori che operano sui mezzi pubblici della capitale, un problema di grande rilevanza ma che sembra non disturbare troppo il sindacato.

Il sindacato ha inviato una lettera al prefetto di Roma, Lamberto Giannini, esprimendo preoccupazione per le azioni di Cicalone. La CGIL ha sottolineato come lo youtuber, insieme ai suoi accompagnatori Matteo Faraoni e Mattia Pileggi, metta in atto comportamenti ritenuti inaccettabili. Nei video di Cicalone, viene spesso mostrata quella che lui stesso definisce una “lotta ai borseggiatori”, un’iniziativa che, secondo il sindacato, non rispetta le norme di comportamento civico.

Comportamenti controversi

Le azioni di Cicalone, scortato da due professionisti della boxe e delle arti marziali, vengono descritte dalla CGIL come vere e proprie forme di giustizia privata. Il sindacato accusa lo youtuber e i suoi accompagnatori di atti intimidatori, sia verbali che fisici, e di inseguimenti tra le scale della metropolitana. Tali comportamenti, secondo la CGIL, promuoverebbero un’immagine distorta della legge, normalizzando violenza e razzismo.

Richiesta di intervento

La CGIL ha chiesto l’intervento del prefetto Giannini per fermare queste attività. Il sindacato sottolinea la necessità di promuovere valori che rendano la società più inclusiva, opponendosi a fenomeni che configurano una forma di giustizia privata. Per la CGIL, le azioni di Cicalone rappresentano un pericolo per la coesione sociale e vanno contrastate con misure adeguate.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *