Claudio e Marco Marrandino, i fratelli assassinati in una trappola vicino a Caserta: non avevano precedenti penali. Arrestato un uomo di 53 anni



Un agguato in piena regola ha scosso la tranquillità di Orta di Atella, in provincia di Caserta. Due uomini, fratelli, sono stati assassinati a colpi di pistola poco prima delle 14 nei pressi dell’uscita Succivo della strada statale 7bis. Le vittime sono Claudio e Marco Marrandino, rispettivamente di 39 e 28 anni.



Il tragico evento si è verificato mentre i due fratelli erano a bordo di un SUV BMW bianco. Secondo le prime ricostruzioni, un uomo armato si è avvicinato al veicolo e ha aperto il fuoco. Claudio Marrandino è stato colpito e ucciso sul colpo mentre era ancora in auto, mentre il fratello Marco, un avvocato, ha tentato di fuggire. Purtroppo, l’assassino lo ha inseguito e gli ha sparato alle spalle, uccidendolo.

Le indagini dei Carabinieri

Le indagini sono state prontamente avviate dai Carabinieri di Caserta, che al momento tendono ad escludere l’ipotesi di un coinvolgimento della camorra. Tuttavia, la modalità dell’esecuzione ricorda molto i metodi utilizzati dalla criminalità organizzata. Entrambi i fratelli Marrandino erano incensurati, appartenevano a una buona famiglia e non erano ritenuti legati ad ambienti criminali. Questo rende ancora più oscuro il movente di questo duplice omicidio.

Nelle ore successive all’agguato, i Carabinieri della compagnia di Marcianise hanno fermato un uomo di 53 anni, un operaio, ritenuto l’autore del duplice omicidio. Il sospetto è stato bloccato nei pressi dello svincolo dell’asse mediano Nola-Villa Literno. Le indagini sono in corso per stabilire il movente e le dinamiche esatte di questo tragico evento.

Una comunità sotto shock

La notizia dell’omicidio ha scosso profondamente la comunità di Orta di Atella. Gli abitanti sono increduli e addolorati per la perdita dei due fratelli. Marco Marrandino, avvocato, era molto conosciuto e stimato per la sua professionalità e integrità. La sua morte, insieme a quella del fratello, lascia un vuoto incolmabile nella famiglia e nella comunità.

Le autorità in allerta

Le autorità locali sono in allerta e stanno collaborando strettamente con le forze dell’ordine per garantire la sicurezza e prevenire ulteriori episodi di violenza. Questo tragico evento sottolinea ancora una volta l’importanza di una vigilanza continua e di un’efficace attività investigativa per combattere la criminalità e proteggere i cittadini.

L’omicidio dei fratelli Marrandino a Orta di Atella rappresenta un drammatico episodio che richiama l’attenzione sull’importanza della sicurezza e della giustizia. Le indagini sono in corso e le autorità si stanno impegnando a fondo per fare luce su questo duplice omicidio e assicurare i responsabili alla giustizia. La comunità locale resta unita nel dolore e nella speranza che eventi del genere non si ripetano mai più.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *