“Perché sentono il bisogno di mostrarsi nudi?” Roberto Vannacci critica le buffonate trasmesse in gran parte d’Italia nel fine settimana



Il neo deputato europeo Roberto Vannacci ha espresso forti critiche nei confronti dei partecipanti del gay pride durante una diretta a Zona Bianca. Secondo Vannacci, l’ostentazione esibizionista di questo evento tende a prevaricare il buonsenso della maggioranza.



In un’intervista durante il programma televisivo, Vannacci ha dichiarato: “Quella che critico è l’ostentazione esibizionista di questo gusto, che spesso tende a prevaricare quello che invece è il buonsenso della maggioranza. Se loro vogliono continuare a confrontarsi con me in questi termini, a fischiare, a mettere gli striscioni e a fare queste carnevalate, io risponderò per le rime, non mi sono mai sottratto a tutto ciò”.

Il politico ha sottolineato la sua volontà di non sottrarsi al confronto con i partecipanti del gay pride, ma ha anche espresso la sua ferma opposizione all’ostentazione eccessiva di tale evento.

Vannacci ha inoltre evidenziato la sua intenzione di rispondere alle critiche in maniera decisa, sottolineando la sua determinazione nel confrontarsi con coloro che partecipano a questo genere di manifestazioni.

Il video dell’intervista è diventato virale sui social media, generando un acceso dibattito sulla libertà di espressione e sulle diverse opinioni riguardo agli eventi LGBTQ+.

In risposta alle dichiarazioni di Vannacci, diversi attivisti LGBTQ+ e sostenitori dei diritti civili hanno espresso il loro dissenso, sottolineando l’importanza di celebrare la diversità e combattere l’omofobia e la discriminazione.

L’opinione di Vannacci ha suscitato un acceso dibattito pubblico, evidenziando le divisioni presenti nella società riguardo alle questioni LGBTQ+ e alla libertà di espressione.

Il politico ha confermato che rimarrà saldo nelle sue opinioni e continuerà a esprimere le sue critiche in merito all’ostentazione esibizionista del gay pride.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *