Pompiere cade nel vano ascensore durante un incendio: caduta da 9 metri. Lo salva uno strato di rifiuti urbani



Una straordinaria storia di fortuna e addestramento ha coinvolto un vigile del fuoco in servizio al comando di Pescara. La squadra era intervenuta per spegnere un incendio sviluppatosi in un palazzo abbandonato, spesso rifugio per senzatetto e tossicodipendenti.Durante le operazioni di spegnimento, in un momento particolarmente complesso, il caposquadra esperto è scivolato nella fossa dove avrebbe dovuto essere collocato l’ascensore, cadendo per circa nove metri.
Tuttavia, grazie al suo addestramento e alla lunga pratica, il vigile del fuoco è riuscito a governare la caduta, mentre la fortuna ha fatto il resto: il colpo è stato attutito dai cumuli di rifiuti abbandonati a terra.Immediatamente soccorso dai colleghi e dai medici del 118, il cinquantunenne è stato trasportato in ospedale, dove è stato assistito dai familiari e dove ha ricevuto la visita del prefetto Flavio Ferdani, che ha voluto sincerarsi personalmente delle sue condizioni di salute e fargli gli auguri di pronta guarigione.
Nonostante la drammatica caduta, il vigile del fuoco è risultato in buone condizioni, ed è stato trattenuto in ospedale solo per il periodo di osservazione. Questa vicenda dimostra l’importanza dell’addestramento e della prontezza di riflessi per i soccorritori, che spesso si trovano ad affrontare situazioni estreme e imprevedibili.Inoltre, sottolinea la dedizione e il coraggio di questi professionisti, che mettono a repentaglio la propria incolumità per salvare vite e beni. La visita del prefetto e la presenza costante dei colleghi vigili del fuoco testimoniano la vicinanza e il riconoscimento della comunità per il loro prezioso lavoro.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *