Nipote di Nelson Mandela arrestato per stupro

Arrestato il nipote di Nelson Mandela, Mbuso. L’accusa è quella di stupro ai danni di una quindicenne

Il nipote di Nelson Mandela, Mbuso Mandela, 24 anni, è stato arrestato lo scorso fine settimana con l’accusa di stupro.
La denuncia da parte della vittima – una ragazza di 15 anni – è stata sporta alla polizia di Johannesburg il 14 agosto, ma il crimine avrebbe avuto luogo il 7.
Oggi Mbuso Mandela, uno dei 17 nipoti di Nelson Mandela, è stato ascoltato dalla corte di Johannesburg e dovrà ricomparire venerdì per discutere della cauzione (non dimentichiamo che Mbuso ha ricevuto 300 mila dollari di eredità alla morte del nonno).

Un portavoce della polizia ha assicurato che Mandela verrà trattato come qualsiasi altro indagato. L’uomo ha anche smentito la notizia, che aveva iniziato a serpeggiare nelle ultime ore, di un inserimento nelle indagini di Winnie Mandela, ex moglie del leader Sudafricano.

In base al racconto dei media locali, lo stupro sarebbe avvenuto nel bagno di un bar nella zona di Greenside. Il proprietario del locale ha dichiarato la sua disponibilità a collaborare alle indagini, mostrando le immagini delle 8 telecamere a circuito chiuso che sorvegliano il posto. Purtroppo però, le registrazioni vengono automaticamente cancellate ogni 120 ore.

Mbuso Mandela ha ricevuto 300 mila dollari alla morte del nonno. Non è la prima volta che un nipote di Nelson Mandela si rende protagonista di un crimine: Mandla Mandela, 40 anni, ad inizio anno è stato arrestato per aver aggredito un automobilista a seguito di un diverbio.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *