Strano prurito alla gamba, poi scopre di avere il cancro e ora combatte tra la vita e la morte

La protagonista della storia è una giovane donna la quale ha avvertito uno strano prurito alla gamba e questo sarebbe stato l’inizio di un incubo. Jade Baldwinla, è questo il nome della 35enne la quale ha avvertito una stanchezza ed uno strano prurito a una gamba per circa 2 anni, prima di ricevere la diagnosi che ha sconvolto la sua vita. Si trattava di linfoma di Hodgkin, una brutta forma di cancro. Quando ha scoperto il male era già al quarto stadio. “Voglio solo poter riavere indietro la mia noiosa vita”.  La donna credeva di avere un innocuo prurito alla gamba, ma dopo 2 anni purtroppo ha scoperto di avere una forma gravissima di cancro e ora sta lottando tra la vita e la morte. Questa è la tragica storia di Jade Baldwinla 35enne del Regno Unito che oggi sta facendo una Corsa contro il tempo per raccogliere i fondi per un farmaco immunoterapeutico, non disponibile all’interno del sistema sanitario nazionale, che potrebbe prolungare la vita e farle affrontare il suo linfoma di Hodgkin.

La Giovane negli ultimi mesi ha tentato di tutto, si sarebbe persino sottoposta a diverse soluzioni di chemioterapia che però non hanno sortito alcun risultato. La sua speranza è di tornare a condurre una vita normale. La giovane ha sofferto per più di 2 anni una serie di sintomi, prima di ricevere la giusta diagnosi. “Avvertivo sempre uno strano prurito alla gamba. Ma non c’era nulla da grattare. Poi ho cominciato a notare delle vere e proprie piaghe su tutto il corpo e mi sentivo stanca. Capitava molto spesso che mi addormentassi al lavoro, sfinita. Non è stato facile capire cosa avessi, anche perchè i miei linfonodi non era gonfi quindi nessuno avrebbe mai pensato a questo tipo di tumore”, racconta la giovane.

Poi nel novembre del 2016 la svolta. Dopo che si era rivolta all’ospedale della sua città in seguito ad alcuni problemi respiratori, i medici le hanno somministrato un antibiotico e prescritto di fare dei test.  Due mesi dopo, nel febbraio del 2017, le analisi più approfondite hanno rivelato la presenza di linfonodi ingrossati. Si trattava del linfoma di Hodgkin. Gli specialisti le avrebbero detto che probabilmente erano anni che aveva il cancro Ma non se n’era mai accorta. “In realtà, quando l’ho scoperto, il cancro era già al quarto stadio. Il peggio che potesse capitarmi in quel momento. Poi sono cominciate le chemioterapie e la mia vita è cambiata”, ha aggiunto la giovane. Qualche mese dopo, lo scorso agosto una risonanza di controllo ha mostrato che il tumore si era prtroppo diffuso alla colonna vertebrale, alle costole ai polmoni e ai fianchi.

I medici hanno provato di tutto per fare stare meglio la donna, ma nulla Ha funzionato. “Sono stata inserita in uno studio per l’utilizzo di un farmaco immunoterapico che mi faceva stare meglio ma che però non è disponibile nel Sistema sanitario nazionale. Per questo ho lanciato una raccolta fondi online, per mettere insieme 50mila sterline. È l’unica speranza che mi resta. Non so ancora per quanto tempo sarò qui. Voglio solo poter riavere indietro la mia noiosa vita, ne sarei davvero felice”.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *