Pensione anticipata per invalidità con l’80%: ecco come fare

Pubblicato il: 26 Maggio 2020 alle 2:12

A tenere banco nel mondo delle notizie in questi giorni il tema pensioni anticipate, se quali sono le richieste da inoltrare a seconda del caso. Oggi, infatti, parliamo delle richieste di pensione anticipata nel caso in cui il contribuente fosse una persona a cui è stato riscontrato l’80% di disabilità.

A che età è possibile andare in pensione?

Questa è una delle domande che sempre più spesso le persone si stanno ponendo in questo periodo per diversi fattori, usando mezzi che vanno dalla quota 100, alla quota 41 alla pensione sociale e altre manovre.

Ricordiamo che, grazie anche alla quota 100, è possibile andare in pensione già dai 62 anni che se l’età della pensione si aggira intorno ai 68. A ogni modo, sono diversi i modi con i quali è possibile fare accesso alla pensione, a seconda appunto al proprio caso di appartenenza, come ad esempio la domanda di accesso alla pensione contributiva che viene concessa su un calco dei contributi a seconda di quelli che sono stati versati precedentemente e se rientrano o meno nei parametri richiesti. Ma cosa succede quando si tratta di richiesta con invalidità riconosciuta?

Pensione anticipata con l’80% di invalidità

Dunque, la presentazione della richiesta di pensione anticipata potrebbe vedere dei cambiamenti nel caso in cui ci si trovasse di fronte un contribuente al quale è stata accertata l’80 % di invalidità.

Quanto detto, comunque sia, è una cosa assolutamente possibile, dato che la richiesta che viene presentata all’ente di riferimento viene comprovata dall’invalidità che la stessa Inps ha attestato in precedenza. A ogni modo, anche in questo caso, è necessario procedere secondo il modus operandi stabilito dall’ente di riferimento e mettere insieme la documentazione da protocollare prima della presentazione della richiesta.

Come richiedere la pensione nei casi di invalidità?

Nel momento in cui viene riscontrata tale invalidità, dunque, la cosa necessaria da fare è quella di procedere alla trasmissione di tutti i documenti necessari richiesti dal Modello SS3. Potete chiedere di essere nell’espletamento delle pratiche anche ad un patronato, CAF o professionista specializzato. A ogni modo è necessario allegare alla domanda la documentazione medica e tutto ciò che riguarda l’invalidità.

Bisogna ricordare però che nel momento in cui si fa accesso alla pensione di vecchiaia anticipata si mantiene in vita una finestra di attesa di 12 mesi, quindi, viene erogato al compimento dei 57 anni per gli uomini e 62 per le donne.

Controcopertina.com grazie alla nostra Redazione seria e puntuale siamo stati selezionati dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui. Oppure iscriviti sul nostro Gruppo Facebook dedicato alle pensioni cliccando qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *