Sinisa Mihajlovic, l’ex campione lotta contro la leucemie e gli haters del web “La giusta disgrazia…”

Come tutti sappiamo, Sinisa Mihajlovic non sta vivendo proprio un bel periodo visto che da parecchi mesi ormai stanno lottando contro una leucemia. Un momento molto delicato e difficile per lui ma anche per la sua famiglia ed in tutti questi mesi abbiamo visto il tecnico lottare davvero con tutta la sua forza contro questa malattia, senza però rinunciare al suo grande amore ovvero il calcio. Nonostante la sofferenza e nonostante il dolore, in questi mesi Sinisa non ha mai abbandonato la sua squadra, ovvero il Bologna che allena ormai da parecchio tempo.

La sua grande determinazione l’ha portato a questo punto vero a continuare a lottare e lavorare nel contempo, nonostante i cicli di chemioterapia ed anche il trapianto midollo osseo fatto alcuni mesi fa. Fortunatamente in queste ultime settimane l’ex campione ha cominciato a riprendere un pò le forze, come testimoniano alcuni suoi ultimi scatti e dalle parole che lui stesso ha riferito durante l’intervista nel salotto di Silvia Toffanin, pare stia meglio. Sinisa sarebbe Riuscito anche a prendere qualche chilo e si sta godendo ogni istante della sua vita ed è anche molto coccolato dalla sua famiglia. Purtroppo però una nota storta va sempre segnalata ovvero il fatto che in questo ultimo periodo Sinisa è stato anche vittima dei cosiddetti haters o “odiatori seriali”.

Sinisa Mihajlovic vittima degli haters “Meriti la disgrazia che hai..”

Un po’ come accaduto con Nadia Toffa, scomparsa lo scorso 13 agosto 2019 anche Sinisa Mihajlovic è finito nel mirino di questi leoni da tastiera. Sono stati davvero tanti i commenti contro Sinisa Mihajlovic dopo che quest’ultimo ha comunicato il suo orientamento politico. Lui è un sostenitore della Lega di Matteo Silvini ed in molti hanno colto questa occasione per dire che ciò che sta attraversando è la giusta punizione per essere un leghista.  ‘MERITI LA DISGRAZIA CHE HAI’ oppure: ‘LA CHEMIO TI HA FATTO DANNI CEREBRALI’. Sarebbe rotta di qui alcuni dei messaggi pubblicati alcuni leoni da tastiera e contro Sinisa. Se da una parte però c’è tanta gente cattiva che ha riservato all’ allenatore del Bologna delle parole molto brutte e cariche di odio, dall’altra parte c’è chi lo difende e lo sostiene. Tra questi ci sarebbe il cantante Giuseppe Povia il quale sui social ha pubblicato un post dedicato proprio a Sinisa Mihajlovic sostenitore dell’endorsment pro-lega.

Questo il post di Povia:

Ciao bambini salutate la mia rubrica NON NASCONDERTI
Tema: LA CATTIVERIA, LA SINISTRA, IL SUCCESSO DELLA LEGA
Siniša Mihajlović (allenatore Bologna) da tempo combatte la leucemia. È stato sotterrato di insulti per essere a favore della lega in Emilia Romagna. ‘Malato’, ‘meriti la disgrazia che hai’, ‘la chemio ti ha fatto danni cerebrali’.. tanti commenti così. Va tutto contro la sinistra, spiego. Non è solo cattiveria, è un momento sociale stupido. Da una parte c’è uno che porta avanti le sue idee (Salvini) e ha sempre più consenso, dall’altra fanno campagna contro di lui mettendo i temi in 2º piano e questo lo fa salire, indipendentemente se vincerà o no in Emilia e in Calabria. Lui ha gli argomenti, forse solo chiacchiere ma dette bene. A sinistra (tv, giornali, satira, intrattenimento) non fanno altro che denigrare lui o chiunque, tornando a Mihajlović, si esprima in suo favore. Tutti alla gogna. I termini da stupidismo ideologico sono sempre: ‘fascista razzista omofobo, populista’, io ne so qualcosa. (es. luca era gay, immigrazìa, chi comanda il mondo etc). Così facendo però condannano la sinistra a perdere gente perchè un’elezione non si vince massacrando l’avversario ma mettendo le soluzioni in 1º piano. Insomma.. come fanno a non capire che anche la cattiveria su Micajilovic è il successo della lega? Allocchi, dilettanti e pieni di spirito (alcol intendo). 

Segui Controcopertina.com

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.