Intrattenimento

Dario Argento chi era il padre Salvatore, il famoso produttore cinematografico

Dario Argento, chi era il padre del famoso regista? Si chiamava Salvatore e pare sia stato un famoso produttore cinematografico. Avete mai conosciuto il nonno di Asia Argento? Cosa sappiamo di lui, della sua vita privata e del suo lavoro? Conosciamolo meglio.

Dario Argento, chi era il padre?

Si chiamava Salvatore e pare sia nato l’ 8 Febbraio 1914 a Roma. È stato il padre di Dario e Claudio Argento e lo zio del giornalista Vittorio Argento nonché nonno di Asia e Fiore. È stato un grande produttore cinematografico e questa carriera l’ha svolta fino al 1982, collaborando anche a diverse pellicole di registi e come Sergio Corbucci e Mauro Bolognini. È morto poi all’età di 73 anni a Roma ed esattamente Il 19 aprile 1987. Gran parte della sua vita l’ha dedicata al cinema e per tanti anni ha prodotto film anche all’estero. Dal 1968 ha realizzato ben 15 film in Italia e 2 all’estero, con la direzione di Harry Levin e di Hector Babenco.

Carriera e vita privata

È diventato poi indipendente grazie anche alle capacità del figlio Dario. Insomma, una carriera lunga e ricca di grandi successi e tante soddisfazioni, arrivate anche appena scoperto il grande talento del figlio Dario. Quest’ultimo come sappiamo è un noto regista, che vanta una carriera molto importante. Sono stati tanti infatti i film prodotti dal padre Salvatore e diretti poi dal figlio Dario. Tra questi “L’ uccello dalle piume di cristallo”, “Il gatto a nove code”, “Quattro mosche di velluto grigio”, “Profondo rosso”, “Suspiria”, “Inferno”, “Tenebre”. Riguardo la sua vita privata sappiamo che è stato sposato con la moglie Elda Luxardo, una celebre fotografa degli anni 40 e 50. È stato anche papà di tre figli ovvero Dario, Claudio e Floriana.

Filmografia

Tantissimi i film da Salvatore prodotti tra questi: “Se tutte le donne del mondo… (Operazione Paradiso), regia di Henry Levin e Arduino Maiuri (1966), Arabella, regia di Mauro Bolognini (1967), Comandamenti per un gangster, regia di Alfio Caltabiano (1968), Probabilità zero, regia di Maurizio Lucidi (1969). Ed ancora: “L’uccello dalle piume di cristallo, regia di Dario Argento (1970), “Il gatto a nove code, regia di Dario Argento (1971), “Er più – Storia d’amore e di coltello, regia di Sergio Corbucci (1971)”. Ma non finisce qui, tra gli altri suoi grandi successi annoveriamo “4 mosche di velluto grigio, regia di Dario Argento (1971), “Le cinque giornate, regia di Dario Argento (1973),”Antoine et Sébastien, regia di Jean-Marie Périer (1974), “Profondo rosso, regia di Dario Argento (1975)
Carioca tigre, regia di Giuliano Carnimeo (1976), “Suspiria, regia di Dario Argento (1977)”, “Inferno, regia di Dario Argento (1980),”Tenebre, regia di Dario Argento (1982).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *