Mara Venier e l’intervento ai denti da incubo

Giugno non è un mese fortunato per Mara Venier. L’anno scorso in questo periodo si era presentata a Domenica In con il piede ingessato e quest’anno invece è flagellata da un serio problema ai denti. La conduttrice veneziana però non si perde d’animo e continua ad andare in onda: «Era importante essere qua per superare anche dal punto di vista psicologico il piccolo trauma che ho subito», ha dichiarato in diretta. In questi giorni la Venier, sempre molto aperta nel condividere le sue vicende («Non riesco a nascondere niente», confessa), ha postato su

Instagram una foto in ospedale con la flebo, che ha fatto preoccupare i fan. “Ho perso completamente la sensibilità…’’, ha scritto riferendosi al primo intervento ai _ . . . denti subito qualche  giorno prima. «L’intervento in anestesia totale, durato molte ore, è andato male», racconta in esclusiva suo marito Nicola Carraro.

«Mara ha perso totalmente la sensibilità di parte del viso, bocca, gola, labbra, mento. Una sensazione non dolorosa, ma molto fastidiosa, che la costringe anche a parlare un po’ a fatica. Proprio come ci si sente dopo aver fatto l’anestesia dal dentista».

La conduttrice si è molto spaventata per la perdita di sensibilità che non si risolveva, tanto da rivolgersi a un chirurgo specialista: il dottor Valentino Valentini, che dal 2016 è professore ordinario di Chirurgia maxillo-facciale presso l’Università degli Studi la Sapienza di Roma, inoltre è direttore di Chirurgia oncologica, ricostruttiva maxillo-facciale al Policlinico Universitario Umberto I di Roma e opera anche presso la clinica Villa Margherita di Roma, dov’è stata ricoverata la conduttrice.

«Ringrazio tanto il professore e il suo staff», ha scritto lei. «Dopo aver verificato la situazione mi ha operata per rimuovere rimpianto che ha causato il danno. Ricoverata… sala operatoria, anestesia totale, un incubo! Oggi avrò un controllo, ma sarà una cosa molto lunga (sperando di evitare un altro intervento). Non finisce qui».

Non finisce qui perché al momento non si sa come evolverà la situazione: «Bisogna aspettare almeno un mese o un mese e mezzo prima di capire se Mara recupererà la sensibilità al volto», prosegue Carraro.

«Per ora crediamo di sì, che si tratti solo di un nervo compresso, che ha bisogno di tempo per guarire. Se invece il nervo fosse stato lesionato, sarebbe molto più complicato. In ogni caso abbiamo già fatto causa al dentista, è tutto in mano agli avvocati».

La fortuna di Mara sta nell’avere una tempra d’acciaio e una roccia di marito che la sostiene sempre. «Mi sembra il minimo!», continua lui. «Comunque lei non molla mai. L’anno scorso è andata in trasmissione con il piede rotto.

Allora le ho detto che il mese di giugno non le fa bene, che dovrebbe smettere di lavorare entro maggio come faceva prima, ma il programma va così bene che negli ultimi due anni le hanno chiesto quattro puntate in più e questo è il risultato. Scherzo naturalmente, ma forse è davvero stanca. Questa settimana, per fortuna, Domenica In salta per una partita di calcio. Le restano ancora due puntate da condurre e le farà senz’altro».

Nel frattempo la Venier si I riposa e recupera le forze I dopo i due lunghi interventi in anestesia totale. Carraro come la coccola? «Le  compro tanti gelati. Può mangiare solo liquidi: gelati, appunto, e purè: una ‘ dieta un po’ particolare»

E per fortuna ci sono i nipoti a portarle sempre tanta allegria: «Abbiamo appena festeggiato il compleanno di Claudietto figlio del secondogenito di Mara, Paolo Capponi, ndr] che ha compiuto quattro anni. Siamo andati alla festa con i suoi amichetti e Mara si è potuta distrarre e, come sempre, ne ha combinate di tutti i colori perché comunque la vita va avanti. Per fortuna il suo non è un problema invalidante, solo molto, molto sgradevole».


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *