Gossip e Tv

Mara Venier e Maria De Filippi, oltre tre italiani su dieci incollati a Domenica in e ad Amici

Roma, primavera 2023. Si presentano le liste dei candidati alle elezioni politiche. La nuova formazione “Amici di Maria e di Mara” annovera la De Filippi, la Venier, Carlo Conti, Amadeus e Paolo Bonolis. Il programma del nuovo M5S (Movimento 5Star) promette reddito di cittadinanza inaccessibile ai furbetti, massicci investimenti in cinema, teatro e spettacolo in generale, sgravi fiscali importanti per i nonni etc etc.

Giochiamo un po’ con la macchina del tempo dopo aver riflettuto sull’inedita grande sfida che appassiona i telespettatori la domenica pomeriggio, alle ore 14 in punto. Cominciano sia Domenica in sia Amici: nelle prime tre puntate, circa il 15% di share per Zia Mara e circa il 20% per Lady Costanzo. Oltre un italiano su tre le segue, percentuale da plebiscito bulgaro… Il Grande Derby della stagione 2021-2022 è stato sospeso domenica 10 ottobre, proprio per le vicende della Nazionale, in finale per il terzo e quarto posto della Nation League alle tre del pomeriggio, che ha indotto Mediaset a non mandare in onda Amici in quel frangente. Ma il 18 sarà di nuovo singoiar tenzone.

Lei lo ha già annunciato urbi et orbi, questa per Mara Venier è l’ultima edizione di Domenica in, la appaga aver eguagliato il record di Pippo Baudo (13 stagioni da conduttore). Da giugno 2022, avrebbe tempo e modo di studiare la sua discesa in campo insieme all’eterna rivale (ed eterna amica) Maria De Filippi, con cui l’intesa è inossidabile almeno quanto la rispettiva presa sulla pancia nazionalpopolare del nostro Paese. Alle Politiche 2023, coinvolgendo Conti, Bonolis e Amadeus, sbaraglierebbero chiunque anche se si votasse col proporzionale. Siamo su Scherzi a parte ma fino a un certo punto: il Garante del Movimento che ha scardinato i vecchi equilibri è un attore comico che, quando ancora faceva tv, rastrellava ascolti da finale dei Mondiali. Il portavoce del Governo Conte è stato un ex concorrente del Grande Fratello (e nemmeno Vip), Rocco Casalino. Nel 1987, Bettino Craxi cooptò Gerry Scotti, che fu eletto con un sostanzioso numero di preferenze nelle fila dei Socialisti.

Zia Mara farebbe una bella figura come ministro della Difesa (di recente l’hanno tirata in ballo con una bufala su suoi presunti investimenti in BitCoin e lei ha sfoderato affilatissimi artigli). Maria sarebbe un valente ministro del Tesoro (sappiamo tutti che è anche una top manager infallibile con la sua Fascino srl), Bonolis sarebbe un bel castigamatti al dicastero degli Interni…

C’è un solo problema, che spegne sul nascere il sogno di un Governo… Conti. Mara ha testa solo per i nipoti. Maria per il figlio adottivo, chi glielo fa fare di abbandonare la via vecchia per una nuova, lastricata di grane come gli intrighi di Palazzo?


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *