Marck Art: il pittore nato due volte “Ero morto, ora dipingo gli angeli “

Marck Art, conoscete la storia del noto pittore degli Angeli? Lui aveva studiato pianoforte al conservatorio di Palermo ma pare che il suo destino artistico fosse altro. La sua è stata un’infanzia piuttosto difficile ed è stato anche vittima di bullismo. Nel 2006 è stato colpito da una apnea cerebrale causata da un arresto cardiaco durato circa 25 minuti quanto basta per danneggiare il suo cervello. Eppure lui si è ripreso e pare che da quel momento la sua vita sia letteralmente cambiata. È diventato Infatti un pittore.

Marck Art, la storia del pittore degli angeli

La storia di Marck Art è davvero molto particolare ed è stata proprio lui a raccontarla. La sua è una storia di andata e ritorno alla morte. Lui originario di Favara in provincia di Agrigento ha dipinto il suo primo quadro quando era ancora in ospedale ed in un anno è diventato un grande pittore a tempo pieno.“Il tema della malattia, della sofferenza e della guarigione si ritrova nei suoi primissimi dipinti dai forti colori, ispirati alla campagna siciliana, e nelle prime mostre personali. Con il “Fiume Giordano I” inizia il ciclo pittorico dedicato al fiume percepito come luogo archetipico: è il tema della soglia, del passaggio sulle sponde del fiume, luogo di ispirazione e frequentazione costante per Marck che, qui, dialoga con personaggi del passato e del presente, di cui l’artista avverte le anime e le loro storie“. Questo quanto si legge sul suo sito ufficiale.

Le parole di Vittorio Sgarbi

Ad un certo punto della sua vita, Marco venne scoperto da Vittorio Sgarbi che al di là delle sue esibizioni televisive comunque è un critico d’arte italiano. “Ho selezionato il quadro che Marck aveva chiamato uscire fuori dal tunnel depressivo e che aveva Esposto in una mostra di artisti siciliani. “Ci sono storie straordinarie, legate all’arte, che vanno segnalate. Una di queste è quella di Marck Art, nome d’arte di Marco Urso, pittore, attore, poeta siciliano di Favara che, a causa di un grave problema di salute, è rimasto per alcune ore in coma rischiando di morire. Marco ce l’ha fatta. E seppur segnato dalla malattia, è letteralmente rinato, cominciando a dipingere, fotografare, scrivere, recitare. E sopratutto a girare l’Italia portando in mostra le sue originali opere”. Questo quanto dichiarato da Sgarbi.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.