Tom Cruise, la storia di Top Gun e Maverick

Basta dire Top Gun e nell’immaginario collettivo di chi è nato prima del 1980 si apre un cassetto specifico della memoria, nel quale sono riposte le avventure mozzafiato di Maverick, del suo fidato e sfortunato compagno Goose, dell’antipatico ma sexy Iceman e del grande amore di Maverick, Charlotte (Charlie) tutti soprannomi che alle nuove generazioni magari non dicono molto, ma che a tanti di noi rievocano il mito.

Il mito, innanzitutto, è Tom Cruise, che oggi alla soglia dei 60 anni torna al cinema con il sequel del fortunato film che lo vedeva protagonista pilota di caccia statunitensi un po’ matto e un po’ indisciplinato, ma geniale nelle sue manovre.

Ai 60 Cruise ci arriva da single, dopo una vita fatta di grandi amori e storie fugaci: dall’attrice Mimi Rogers a Nicole Kidman, con la quale rimase sposato per 10 anni e con cui adottò due bambini Isabella Jane (nata nel 1992) e Connor Anthony (nato nel 1995), poi ha avuto una sto ria con l’attrice Penélope Cruz prima di conoscere Katie Holmes, da cui ha avuto una figlia, Suri, nata il 18 aprile 2006.

L’ultima, in ordine cronologico, è stata la storia di circa un anno con la collega Hayley Atwell, con la quale ha girato il settimo capitolo della saga Mission Impossible, che uscirà il prossimo anno. Intanto, Cruise torna al cinema con Top Gun.

Chi ricorda bene il film, ha ben impresse nella memoria le scene di volo di Pete “Maverick” Mitchell, figlio d’arte che si incrocia in volo con i MIG russi in un periodo collocato agli sgoccioli della Guerra Fredda. Era il 1986, Cruise aveva 36 anni di meno, e anche noi, e quella che sembrava una battaglia plausibile tra occidente e blocco sovietico poi per tanti anni è tornata ad essere solo fantasia.

Oggi, che stiamo assistendo al sequel del film, quelle immagini di lotta tra Stati Uniti e Russia (oggi in guerra con l’Ucraina) tornano a essere di inquietante attualità. Noi speriamo che non ci sia bisogno dei Maverick o degli Iceman di turno, ma quello che sembrava un pericolo sepolto ora assomiglia alla realtà.

Nel film del 1986, che vinse un Premio Oscar e un Golden Globe, entrambi per la miglior canzone originale con Take My Breath Away, prodotta da Giorgio Moroder per i Berlin, il già citato protagonista si innamora della propria bionda istruttrice, Charlotte Blackwood (Kelly McGillis), e si colpevolizza per lamorte del copilota Goose avvenuta durante un’esercitazione.

L’esperienza della morte e il programma di formazione Top Gun nel quale è stato incluso lo fanno crescere, portandolo a essere decisivo in un reale scontro a fuoco nei cieli contro il nemico russo. Nel nuovo film, dal titolo Top Gun: Maverick, che arriva in un nuovo momento di alta tensione tra Nato e Russia, Cruise chiuderà i conti con il passato, rappresentato dal suo rivale e collega Iceman, interpretato nuovamente da Val Kilmer, dal figlio di Goose, Rooster, con il quale ha stabilito un rapporto conflittuale dovuto all’incidente in cui il padre perse la vita e con una sua ex, arrivata dopo Charlotte e interpretata da Jennifer Connelly. Maverick dovrà scegliere tra vivere nel passato o lasciarlo finalmente andare. Ci riuscirà? Lo sapremo solo vedendo il film.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.