Il tradimento dei capelli: il barbiere di Genova arrestato per spaccio mentre tagliava i capelli ai suoi clienti calvi!



Un tranquillo negozio di barbiere a Genova è diventato il centro di una sorprendente scoperta quando un barbiere 55enne è stato arrestato per spaccio di droga. La sua attività illecita è stata rivelata grazie a un’affluenza inusuale di clienti, tra cui persino uomini calvi, che hanno attirato l’attenzione dei carabinieri.



Un Inusuale Flusso di Clienti

Il nucleo investigativo di Genova, insieme ai colleghi della stazione di Forte San Giuliano, ha smascherato l’attività criminale del barbiere italiano. L’indagine è stata scatenata dalla presenza di clienti insoliti nel suo negozio situato nella zona Foce di Genova. Ciò che ha destato sospetti è stato il fatto che molti dei clienti sembravano frequentare la barberia non per un taglio di capelli, ma per scopi diversi.

Un’Operazione di Sorveglianza Cruciale

Le operazioni di sorveglianza hanno svelato il reale scopo di questi clienti: l’acquisto di sostanze stupefacenti. Alcuni di loro si limitavano a comprare droga, mentre altri combinavano il taglio di capelli con l’acquisto di stupefacenti. Questo comportamento insolito ha portato i carabinieri a intensificare la sorveglianza sulle attività del barbiere.

La Scoperta Scioccante

Durante una perquisizione sia nel negozio del barbiere sia nella sua abitazione, gli investigatori hanno sequestrato vari grammi di hashish. Tuttavia, è stata la scoperta più sconvolgente quella fatta all’interno della barberia. Nascosti in un soppalco, i carabinieri hanno trovato 100 grammi di cocaina, quattro bilancini di precisione e materiale per il confezionamento della droga. Queste prove hanno portato all’arresto immediato del barbiere per spaccio di stupefacenti.

La barberia, una volta un luogo di routine per i tagli di capelli, si è trasformata in un inaspettato centro di attività criminale, dimostrando come la determinazione dei carabinieri abbia portato alla luce un’operazione di spaccio di droga ben nascosta.



Lascia un commento