La tentazione norvegese: Infermieri italiani abbandonano l’Italia per 4mila€ al mese e voli gratis!



Un Nuovo Inizio in Norvegia

Il sogno di un futuro migliore ha spinto molti giovani professionisti a cercare opportunità all’estero, e Michele e Giulia, due infermieri italiani, hanno trovato il loro successo in Norvegia. Questa coppia dinamica ha abbandonato l’Italia per intraprendere una nuova avventura professionale che ha cambiato drasticamente le loro vite.



Vantaggi Contrattuali Sorprendenti

Ciò che ha reso la Norvegia così attraente per Michele e Giulia è stato il pacchetto contrattuale allettante offerto dal sistema sanitario norvegese. Contrariamente alle difficoltà che affrontano gli infermieri in Italia, qui godono di condizioni di lavoro eccezionali. Il contratto a tempo indeterminato include:

  • Alloggio gratuito
  • Pagamento delle bollette
  • Bonus annuale di 1.000 euro per i voli, compresi quelli verso l’Italia per visitare parenti
  • Utilizzo di un’auto con rimborso del carburante per gli spostamenti tra le strutture sanitarie

Tutto questo ha contribuito a migliorare notevolmente la qualità della vita di Michele e Giulia.

Superare le Sfide Iniziali

Non tutto è stato facile all’inizio. La lingua norvegese rappresentava una barriera, ma grazie a un corso intensivo gratuito fornito dall’agenzia di reclutamento, hanno imparato rapidamente. Giulia è stata impiegata inizialmente come Oss (Operatore Socio Sanitario) con meno responsabilità, ma con il tempo ha guadagnato fiducia e responsabilità nella struttura sanitaria in cui lavora.

Riconoscimento e Ricompense

Oltre a un ambiente di lavoro favorevole, in Norvegia l’infermiere è rispettato e valorizzato. Afferma Giulia: “Qui c’è molto rispetto per la figura dell’infermiere, al contrario di quanto accade in Italia.” La retribuzione è notevolmente più alta, con uno stipendio mensile di 4mila euro e la possibilità di guadagnare un bonus fino a 250 euro a settimana per il lavoro estivo.

Nessun Rimpianto, Solo Soddisfazione

Michele e Giulia non hanno rimpianti per la loro scelta. Michele ha vissuto la pandemia in Italia e, dopo aver conseguito il suo titolo di studio, ha deciso di cercare una via d’uscita. L’opportunità in Norvegia si è presentata con un contratto allettante e condizioni di lavoro eccezionali. Michele conclude: “Non ci penso nemmeno a tornare. Qui si vive benissimo, ho tanti amici e le condizioni di lavoro sono eccezionali. Consiglio a tutti i giovani di fare questa esperienza.”

La storia di Michele e Giulia dimostra che, sebbene l’Italia possa affrontare sfide nel settore sanitario, ci sono opportunità allettanti all’estero per coloro che cercano un futuro migliore. La Norvegia ha offerto loro un nuovo inizio con vantaggi tangibili e un ambiente di lavoro apprezzato.



Lascia un commento