Chi è Giampaolo Andreatta era un politico italiano e collaboratore di Bruno Kessler. La sua morte, la moglie, i figli e la carriera politica sono argomenti di interesse



Il Trentino si stringe nel dolore per la scomparsa di Giampaolo Andreatta, figura storica che ha lasciato un’impronta indelebile nella regione. Per 24 anni, Andreatta ha guidato la Provincia di Trento nel ruolo di direttore generale, contribuendo in modo significativo alla sua crescita e sviluppo. L’addio a questo protagonista storico si concretizzerà sabato 20 gennaio alle 10, con i funerali che si terranno nella chiesa parrocchiale di Sant’Antonio a Trento.



Il Profilo di Giampaolo Andreatta e la Mysteriosa Causa della Morte

Giampaolo Andreatta, deceduto il 17 gennaio 2024 nella casa di riposo dove aveva trascorso gli ultimi undici mesi, avrebbe compiuto 94 anni a giugno. La causa del decesso non è stata divulgata, lasciando un alone di mistero sulla sua dipartita. Una carriera politica lunga e prestigiosa ha trovato la sua fine, suscitando tristezza e commozione tra i trentini.

Il Legame Familiare e il Ricordo di una Vita Dedicata al Trentino

Giampaolo Andreatta aveva condiviso la sua esistenza con Annamaria Cagol, perdendola due anni fa. Questa dolorosa separazione lo ha preceduto nella morte, lasciando un vuoto nel cuore di chi lo ha conosciuto e stimato. Il politico lascia due figli: Marco, professore universitario di Geometria ed ex presidente del Muse, e Sergio, ingegnere. Una famiglia che ha condiviso con lui gioie e dolori, segnando una pagina importante nella storia trentina.

Il Contributo alla Politica e alla Formazione del Trentino

La carriera politica di Andreatta è stata caratterizzata dalla dedizione al Trentino. Collaboratore di Bruno Kessler, ha svolto un ruolo chiave nella fondazione dell’Università di Trento. Assunto dalla provincia nel 1956, ha ricoperto il ruolo di direttore generale per un quarto di secolo, dal 1970 al 1994. Durante il suo mandato, ha giocato un ruolo fondamentale nella fase di istituzione del Secondo Statuto di Autonomia, segnando un periodo cruciale per la regione. Pur essendo una figura di spicco nell’area di sinistra della Democrazia Cristiana, Andreatta ha scelto di non assumere ruoli di vertice nel partito, preferendo dedicarsi con determinazione al servizio per il bene della comunità trentina.

Giampaolo Andreatta lascia un’eredità significativa, un capitolo importante nella storia del Trentino che verrà ricordato con rispetto e gratitudine. La sua scomparsa rappresenta la fine di un’era e il tributo a una vita dedicata al servizio pubblico e alla crescita della sua amata regione.



Lascia un commento