Esplosione devastante: palazzina crolla, coppia trovata morta, feriti e evacuazioni



Riassunto: Un’esplosione in un appartamento a Torre del Greco, Napoli, ha causato la morte di due persone e l’ospitalizzazione di un terzo.



La tragedia ha sconvolto la tranquilla città di Torre del Greco. In un tragico evento avvenuto poco prima della mezzanotte, una “terribile esplosione” ha distrutto un appartamento, uccidendo due persone e ferendo gravemente una terza. Rodolfo Iovine e Anna Pagano, una coppia di sposi, sono stati dichiarati morti all’ospedale Cardarelli di Napoli poco dopo l’incidente. Un’altra persona, il cui nome non è stato rivelato, è attualmente ricoverata nello stesso ospedale.

La causa presunta dell’incidente e le indagini in corso

“Secondo una prima ricostruzione dei fatti”, l’esplosione potrebbe essersi verificata a causa di una fuga di gas propane liquified (gpl) che avrebbe avuto origine in cucina. Rodolfo Iovine e Anna Pagano sono morti nel letto di loro appartamento in via Pisani a Torre del Greco. La potenza dell’esplosione ha causato l’incendio dell’intera palazzina e il crollo di una delle mura della camera da letto che schiacciato la coppia. Sul posto sono intervenute le squadre dei Vigili del fuoco, il personale del 118, e gli inquirenti. La Procura di Torre Annunziata ha avviato un’inchiesta sulla tragedia.

Le conseguenze dell’esplosione nel condominio

Conseguentemente all’esplosione, altre due famiglie residenti nella palazzina sono state evacuate per precauzione. I Vigili del fuoco di Torre del Greco e Ponticelli hanno operato per ore. Una delle vittime, Rosa Pagano, è stata gravemente ferita e ora è ricoverata presso l’ospedale Cardarelli di Napoli. Rosa Pagano è la sorella della vittima Anna Pagano e residente nell’abitazione accanto alla coppia.

Perché c’è stata la fuga di gas? Perché non è stata rilevata a tempo? La risposta a queste domande sarà fornita solo dopo le indagini degli inquirenti. Questo tragico evento serve come avvertimento per le autorità cittadine per aumentare la sicurezza degli impianti a gas.



Lascia un commento