Chi è Eleonora Daniele? Età, figlia, marito, vita privata e fratello


La vera felicità è quando siamo in tre». Un mese e mezzo fa, Eleonora Daniele confidava a noi di Gente nell’articolo di copertina quanto fosse cambiata la sua vita in meglio dopo la nascita di sua figlia Carlotta, che ha due anni.

La conduttrice di Storie Italiane su Raiuno è felicemente sposata con l’imprenditore Giulio Tassoni dal 2019 e l’anno prossimo la coppia festeggerà vent’anni dal primo incontro. Ma l’arrivo della bambina, a lungo desiderata, ha permesso a Eleonora di rinascere dopo un dolore molto grande, la perdita prematura del fratello Luigi  avvenuta nel 2015. «Lei è il motivo per cui essere grati alla vita», ci aveva detto.

E anche il legame con il marito si è rafforzato. «Essere genitori ci ha fatto crescere, ci ha reso più uniti come coppia. I momenti che passiamo insieme, come famiglia, sono i più belli». Eccola la felicità di cui parla: nelle foto esclusive che pubblichiamo in queste pagine è quasi tangibile. Eleonora, Giulio e Carlotta passeggiano per via Veneto, a Roma, dopo aver pranzato con alcuni amici in un ristorante poco lontano.

La bambina è attirata da ciò che vede intorno a lei, in particolare da alcune sculture colorate disseminate sul marciapiede. Per andare a osservarle da vicino, affida la borsettina al suo papà e la mamma è  costretta a correrle dietro. «Carlotta è una bambina molto vivace e molto chiacchierona», la descrive Eleonora, «impara in fretta, conosce già le lettere dell’alfabeto e non sopporta quando lavoro. Se mi vede al telefono alza la voce per attirare la mia attenzione».

D’altra parte, per sua stessa ammissione, Daniele è una madre molto presente, così come lo furono i suoi genitori per lei e i suoi fratelli. «La loro presenza mi ha trasmesso sicurezza», ha detto la conduttrice che a partire dal 6 febbraio condurrà anche Storie di madri, un nuovo programma in onda in seconda serata tutti i lunedì su Raiuno. «Non ci saranno solo storie di donne », ha precisato, «ma di intere famiglie sconvolte da un caso di cronaca».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *