Hai capito chi è Magic Johnson? Età, carriera, biografia, malattia HIV, moglie e figli


Earvin “Magic” Johnson, Jr. (New York, 14 agosto 1959) è un excestista statunitense.1Ha giocato per i Los Angeles Lakers della NBA dal 1979 al 1991, quando ha pubblicato di aver contratto l’HIV, lasciando lo sport professionistico per combatterlo, tranne che per un breve periodo nel 1996. Alto 2,06 metri, giocava nella posizione di playmaker.

Dopo aver vinto il torneo NCAA del 1979 con la Michigan State University, i Lakers scelsero Johnson nel Draft NBA 1979, con il quale vinse il titolo NBA cinque volte, giocò nove finali e fu accreditato con diversi premi individuali come MVP della stagione, MVP delle finali – tre volte entrambi – e due MVP dell’All-Star Game. nel 1990 e nel 1992. Ha anche giocato in 12 All-Star Game, è stato nominato nella migliore squadra della lega e una volta nella seconda squadra in nove stagioni, e ha guidato la stagione regolare in assist quattro volte.

D’altra parte, Johnson ha fatto parte del Dream Team dei Giochi Olimpici di Barcellona 1992, considerato la migliore squadra nella storia del basket, con la squadra americana ha vinto l’oro, spazzando via i loro rivali. Nel 1996, un gruppo di membri dei media, ex giocatori, allenatori e general manager lo ha nominato come uno dei 50 più grandi giocatori della storia della NBA e nel 2002 è stato inserito nella Basketball Hall of Fame.​

Nel 1991, il giocatore rese pubblico di aver contratto il virus dell’HIV, prendendo la decisione di ritirarsi immediatamente dagli allenamenti di basket. Con il sostegno dei suoi colleghi, è diventato il primo giocatore apertamente sieropositivo a giocare nella NBA.

Da febbraio 2017 fino ad aprile 2019 è stato President of Operations dei Los Angeles Lakers.

Carriera sportiva

Primi anni di vita

Johnson è cresciuto nel Michigan e fin da piccolo gli piaceva giocare a basket. Si alzava presto per andare a giocare prima della scuola, e spesso andava nei siti a dribblare una palla. Secondo sua madre, ha mostrato molto entusiasmo in tutto ciò che ha fatto.7Quando finalmente è entrato a far parte della sua squadra di basket del liceo, ha raggiunto una tripla doppia all’età di 15 anni con 36 punti, 16 rimbalzi e 16 assist. Dopo questo, un giornalista sportivo lo ha soprannominato “Magic” per la prima volta. Ha subito la perdita di un compagno di squadra in un incidente d’auto, così hanno promesso di vincere il campionato statale come tributo a Reggie Chastaine, il giocatore deceduto, qualcosa che hanno raggiunto nei tempi supplementari della finale. Nel suo ultimo anno di liceo, la squadra ha avuto un record di 27 vittorie e 1 sconfitta, ha avuto una media di 28,8 punti e 16,8 rimbalzi e ha vinto di nuovo il titolo statale.

Università

Magic ha sviluppato la sua carriera universitaria alla Michigan State University, vicino alla sua città natale. Si unì alla squadra nella stagione 1977-78, contemporaneamente a Jay Vincent, e quell’anno il risultato fu molto diverso dalla stagione precedente. Nel 1976-77, la squadra aveva ottenuto 12 vittorie e subito 15 sconfitte nella Big Ten Conference, mentre l’anno successivo, riuscì a vincere 13 partite di fila e vinse il titolo di conference dopo undici anni senza raggiungerlo. Inoltre, riapparvero nel torneo NCAA, dopo 19 anni di assenza, e raggiunsero la finale del Midwest, in cui furono sconfitti dall’Università del Kentucky. Le statistiche di Johnson sono state di 17 punti, 7,9 rimbalzi e 7,4 assist a partita ed è stato nominato Rookie of the Year​

Hanno iniziato la stagione successiva con esitazione, poiché alla fine di gennaio 1979 avevano un bilancio di 4 vittorie e 4 sconfitte. Tuttavia, nella nona partita riuscirono a vincere ai supplementari contro il leader della conference, Ohio State, e iniziarono così una striscia di 10 vittorie consecutive che li assicurarono al primo posto della Big Ten. Nelle finali, hanno vinto i loro primi 4 incontri, con una differenza media di 23 punti di vantaggio, e hanno così raggiunto la finale della NCAA. Il rivale era Indiana State University, imbattuto in quella stagione, e piazzato al numero 1 della classifica, in cui giocò quello che pochi anni dopo sarebbe stato il suo grande rivale e amico, Larry Bird.8Michigan raggiunse finalmente il campionato con un punteggio di 75-64; Johnson fu scelto in quella stagione come miglior giocatore del torneo. Ha giocato solo 2 stagioni, ma sono state sufficienti per la sua fama per crescere a livello nazionale. Alla fine ha avuto una media di 17,1 punti, 7,6 rimbalzi e 7,9 assist.

Professionale

La nascita di “Showtime” (1979-1980)[modifica]

È stato selezionato come numero 1 assoluto nel Draft NBA 1979 dai Los Angeles Lakers che aveva ottenuto questa possibilità dopo aver negoziato con i New Orleans Jazz e aver offerto l’allora stella Gail Goodrich in cambio della prima scelta del draft. Magic entrò in una franchigia che stava subendo profondi cambiamenti, con Jack McKinney come nuovo allenatore, Jerry Buss come nuovo proprietario e diversi nuovi giocatori. Tuttavia, ciò che ha attratto maggiormente Johnson è stata la possibilità di giocare al fianco del suo grande idolo giovanile, il centro Kareem Abdul-Jabbar, storico leader del punteggio in NBA. Ha immediatamente trasmesso il suo entusiasmo in campo e ha imposto uno stile di velocità, passaggi non plausibili, contropiedi vibranti, che presto divenne noto come Showtime.Data la sua facilità e altezza per i rimbalzi e segnare, ha rapidamente guidato la lega in triple-doppie, secondo solo a un altro grande playmaker, Oscar Robertson, nel corso della storia. Inoltre, il suo entusiasmo quasi infantile è stato trasmesso agli spalti e presto è diventato un idolo di massa.

Le percentuali della sua prima stagione, 18 punti, 7,7 rimbalzi e 7,3 assist, sono state sufficienti per essere scelto nel miglior quintetto di rookie della NBA ed essere titolare nell’All-Star Game, anche se il titolo di Rookie dell’anno è stato preso dal suo amico Larry Bird, che quell’anno si è unito ai Boston Celtics.I Lakers chiusero con un record di 60 vittorie e 22 sconfitte; dopo che Paul Westhead sostituì McKinney in panchina dopo un grave incidente in bicicletta, raggiunsero le finali del 1980, dove incontrarono i Sixers di Dr. J, Julius Erving e il potente Darryl Dawkins. I Lakers hanno preso un vantaggio di 3-2, fino a quando Kareem Abdul-Jabbar si è infortunato al ginocchio. Il suo allenatore ha poi deciso di mettere Magic nella posizione di centro, che ha sorpreso tutti con 42 punti, 15 rimbalzi, 7 assist e 3 rubate. Ha vinto la sesta e ultima partita 122-107 ed è stato nominato MVP delle finali NBA.15Con soli 20 anni, aveva già raggiunto distinzioni individuali al liceo, all’università e come professionista. È diventato il terzo giocatore nella storia a vincere titoli NCAA e NBA consecutivi, dietro Bill Russell e Henry Bibby.

Magic annuncia di vivere con l’HIV (1991-1992)

Prima dell’inizio della stagione 1991-92, Johnson era a Salt Lake City dove i Lakers dovevano giocare una partita di preseason, pochi giorni dopo essere tornato da Parigi dal McDonald’s Open, quando ricevette la chiamata dal club, per tornare immediatamente a Los Angeles. Lì, il 24 ottobre 1991, il corpo medico lo informò delle sue condizioni. Ha ufficialmente saltato le sue prime tre partite per un’infezione allo stomaco; Presto convocò una conferenza stampa che scioccò il mondo dello sport il 7 novembre 1991, quando annunciò di essere stato infettato dal virus dell’HIV e il suo immediato ritiro dal basket. Ha scoperto la sua diagnosi mentre cercava di ottenere un’assicurazione sulla vita quando è risultato positivo all’HIV. Ma lontano dai messaggi negativi, ha sorpreso annunciando la sua felicità che sua moglie Cookie e il figlio che entrambi aspettavano non erano infetti e che avrebbe dedicato la sua vita a combattere questa infezione. L’ambiente NBA è rimasto scioccato, con persino il presidente George H. W. Bush che ha dichiarato: “Per me, Magic è un eroe, un eroe per chiunque ami questo sport”. Entrò automaticamente nella lista degli infortunati della squadra e, a causa della sua situazione contrattuale, mantenne la collezione della franchigia Angelina.

“Non sapevo che la conferenza fosse stata trasmessa in diretta a livello nazionale su CNN e ESPN … I miei amici mi chiamavano da tutto il paese. Alcuni di loro mi hanno detto che avrebbero sostenuto gli esami. Nei giorni che seguirono, fui ricercato per la copertura mediatica della mia infezione e dei rapporti che, dopo il mio annuncio, milioni di persone andarono negli ospedali e nelle cliniche circostanti e chiesero di essere testati per l’HIV. Le hotline non sono state in grado di rispondere a tutte le chiamate. Le vendite di preservativi sono cresciute, così come le donazioni alle organizzazioni per l’AIDS”.
Johnson parla dell’impatto del suo annuncio di essere sieropositivo.

Nonostante tutto questo, Magic è stato votato dal pubblico per giocare nell’All-Star Game di quella stagione. Diversi giocatori erano riluttanti a giocare con qualcuno che poteva teoricamente diffondere un virus mortale, incluso Karl Malone. Nonostante questo, ha giocato la partita; la Western Conference vinse 153-113. Dopo la vittoria, ha abbracciato i suoi rivali e amici in un tributo spontaneo.3132Inoltre, è stato premiato come MVP della partita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *