Morto Benedetto XVI: chi era Joseph Ratzinger, il primo Papa emerito a cambiare 700 anni di tradizione nella Chiesa?


Joseph Ratzinger è un caso unico nella Chiesa moderna. È stato Papa in due tempi ben differenziati per 17 anni, che si aggiungono ai 24 anni in cui è stato il numero due di Giovanni Paolo II come custode dell’ortodossia, prefetto della Congregazione per la dottrina della fede.

Morì all’età di 95 anni e fu il pontefice più longevo di sempre . Per otto anni ha esercitato i poteri assoluti dei Papi e dopo le sue dimissioni è stato per altri nove anni il primo papa emerito nella lista dei 264 papi che lo hanno preceduto.

Ha contraddetto l’opinione di san Giovanni Paolo II che affermava che non ci sono stati papi in pensione , che il Vescovo di Roma nella pienezza dei suoi poteri “non può scendere dalla croce” e deve continuare fino alla morte. Con il suo gesto straordinario, Joseph Ratzinger ha cambiato una tradizione fondamentale della Chiesa. I futuri papi sanno che se perdono forza o salute dovrebbero ritirarsi seguendo il loro esempio.

Ratzinger è passato alla storia con la sua rinuncia al papato, 607 anni dopo la rinuncia forzata di Gregorio XII nel 1415. Molti ritengono più opportuno il riferimento ai 708 anni trascorsi dalla rinuncia volontaria del monaco Celestino V.

Più volte ha detto che la rinuncia è stata meditata per anni . Lo ha detto in più di un’intervista. Se il Papa non è in grado di continuare, ha il diritto ma anche il dovere di dimettersi.

“Ho preso la decisione definitiva nell’estate del 2012. Il viaggio apostolico in Messico ea Cuba mi aveva sfinito e l’anno successivo dovetti recarmi a Rio de Janeiro per presiedere le Giornate della Gioventù. Ho capito che non potevo affrontare la prova” Aveva compiuto 85 anni.

Ratzinger era in cattive condizioni di salute . Suo padre e sua sorella Maria, che vivevano con lui negli appartamenti pontifici e lo aiutavano a organizzare i suoi compiti, soffrivano di fragilità neurologiche che costarono loro la vita.

Lo stesso Joseph ebbe un ictus nel 1991 che gli fece perdere la vista dall’occhio sinistro. Gli era stato anche messo un pacemaker cardiaco . Due o tre volte ha chiesto a san Giovanni Paolo II di permettergli di ritirarsi nella nativa Baviera, ai suoi libri ea riposare. «No, no, vada avanti», ha risposto il Papa polacco, considerandolo il più indispensabile dei collaboratori.

“Una sorpresa completa”

L’annuncio è stato dato da Benedetto XVI durante un Concistoro di cardinali per confermare diverse canonizzazioni. “Ho scelto di parlare in latino perché lo conosco bene, meglio dell’italiano”, ha detto. È stata una sorpresa completa. Alcuni cardinali non capivano quello che diceva, altri mostravano i loro volti attoniti.

Con precisione tedesca aveva tutto organizzato . Ha anche annunciato che la data delle dimissioni sarebbe stata il 28 febbraio. Scelse il titolo inesistente di papa emerito e fece approntare per accoglierlo il monastero di Mater Ecclesiae nei giardini vaticani. Mancava solo il consenso del suo successore, che era l’argentino Jorge Bergoglio , che lo accolse con caloroso affetto.

Il desiderio di ritirarsi era passato a Ratzinger quando nell’aprile 2005 morì il papa polacco Karol Wojtyla dopo un periodo di grandi sofferenze e 26 anni di pontificato.

Anche la successione è stata attentamente organizzata . Wojtyla voleva che gli succedesse il suo numero due, con il quale manteneva chiare coincidenze. Lo nominò Decano del Sacro Collegio, figura essenziale per agghindare i 117 cardinali elettori. 115 sono arrivati ​​a Roma e hanno partecipato alla due giorni di votazioni nella Cappella Sistina.

L’unico rivale che ha partorito, sostenuto dall’autorità del cardinale Carlo Maria Martini, già molto malato di morbo di Parkinson, che era il capofila dell’ala progressista, è stato l’argentino Jorge Bergoglio .

Dicono che abbia ottenuto 40 voti al terzo scrutinio, ma quando il cardinale di Buenos Aires ha sentito il risultato nella Cappella Sistina , ha fatto segni negativi e ha puntato il dito contro la figura di Ratzinger, chiedendo di votarlo. È andata così.

In un discorso alla Messa Pro Eligendo Romano Pontefice, appena 24 ore prima di essere eletto, l’imminente Benedetto XVI ha rinnovato la sua battaglia contro il relativismo imperante nella cultura contemporanea.

La sua essenza consiste nel “lasciarsi trasportare qua e là da qualsiasi vento dottrinale” e appare “come l’unico atteggiamento fino ai tempi attuali”. Il relativismo si costituisce in una dittatura «che non riconosce nulla come definitivo e che lascia come ultima misura solo il proprio io ei propri desideri».

Era una sintesi del suo pensiero conservatore che ha praticato nei suoi otto anni a capo della Chiesa. A 78 anni Ratzinger “rappresenta le linee più dogmatiche della Chiesa , che spesso si scontrano con le correnti liberali che sono arrivate ad accusarlo di essere un inquisitore ”.

Non gli mancarono i progetti di restauro. Fu critico della riforma liturgica introdotta da Paolo VI, che trasformò la Messa secondo i termini del Concilio Vaticano II . Si opponeva all’ “eccesso di novità” introdotto nelle messe , che secondo il nuovo Papa “finiscono per diventare uno spettacolo”.

Ratzinger prese il nome da Benedetto XV , il genovese Giaomo della Chiesa, (1914-1922), che definì la prima guerra mondiale “un’inutile strage” e ispirò la riforma del diritto canonico nel 1917.

Perdono ai lefebvriani

Nel 2009 il pontificato ha vissuto il suo peggior scandalo quando Benedetto XVI ha revocato la scomunica a quattro vescovi consacrati dal vescovo francese Marcel Lefebvre nel giugno 1988, per questo gesto e guida di uno scisma di un settore di estrema destra che ha rifiutato le conclusioni del Vaticano Consiglio II.

Tra loro c’era il britannico Richard Williamson , direttore del seminario lefebvriano nel sobborgo di La Reja, a Buenos Aires, in Argentina.

Williamson era un incallito filo -nazista e non ha risparmiato dichiarazioni alla televisione svedese negando la Shoah , l’olocausto di sei milioni di ebrei. “Le camere a gas non sono mai esistite”, ha detto.

La bufera per la grazia pontificia ai quattro vescovi lefebvriani è diventata un uragano per le presenze e le dichiarazioni che Williamson non ha risparmiato.

In Europa vi furono ribellioni in vari episcopati, che indebolirono il pontefice.

Uno scandalo di sesso, spie e bugie

Il secondo scandalo, decisivo nella disponibilità di Joseph Ratzinger a dimettersi dal pontificato, è scoppiato nel gennaio 2012 per la diffusione di documenti rubati dal maggiordomo del Papa, Paolo Gabriele, anche dalla scrivania di Benedetto XVI.

Contenevano informazioni esplosive che coinvolgevano il Vaticano in casi di corruzione . Un’indagine interna ha scoperto il ricatto di vescovi gay . Così è nato il caso VatiLeaks .

Lo stesso Gabriele ha fatto trapelare i documenti a Gianluigi Nuzzi e ad altri giornalisti. È stata proiettata un’immagine disastrosa del Vaticano . Focolaio di intrighi, con continue lotte tra fazioni.

Trasmetteva anche la sensazione che il papa non controllasse la curia romana . Benedetto XVI ha nominato nel 2012 un consiglio di tre cardinali incaricato di indagare sui documenti trapelati. I risultati sono stati consegnati a Ratzinger che, quando si è dimesso, li ha passati a Francesco, suo successore. Il contenuto del cassetto è top secret e viene custodito con quattro chiavi.

C’è stata una considerevole speculazione sul fatto che VatiLeaks abbia contribuito alle dimissioni di Ratzinger nel febbraio 2013, cosa che i suoi parenti hanno negato. Ma è probabile che il grande scandalo abbia finito per convincere Benedetto XVI che era giunto il momento di dimettersi.

Dopo le sue dimissioni, il papa emerito si stabilì nel convento di Mater Ecclesiae accompagnato da quattro suore che lo curarono fino alla fine e dal suo segretario monsignor Georg Gaenswein.

“Non ci sono due patate”

In questi anni Ratzinger ha mantenuto la sua fedeltà al successore argentino in tutte le interviste e ha ribadito che “non ci sono due papi”. Ma ogni tanto abbandonava il silenzio per postare qualche intervista o condividere un libro.

In tutti i casi mantenne la linea del tradizionalismo dogmatico e uscì per sottolineare la sua condanna del relativismo. Durante il suo pontificato scrisse una vita di Cristo in tre libri.

Suo fratello maggiore di tre anni, Georg, lo visitava ogni anno, ma nel 2020, cieco e di 96 anni, i suoi malanni hanno dimostrato che non avrebbe più potuto fare viaggi a Roma.

A giugno 2021 è arrivato il momento di salutarci. Nonostante il suo precario stato di salute, Josep Ratzinger si è recato a Ratisbona per quattro giorni . Georg, che è stato direttore del coro della cattedrale di Ratisbona per molti anni, soffriva dello stress della sua malattia e soffriva di herpes facciale e temeva per la sua vita. Ma Ratzinger l’ha superata ed è tornato a Roma. Georg morì pochi giorni dopo.

I pochi che hanno visitato Ratzinger hanno detto che il papa emerito stava lentamente svanendo. Riusciva a malapena a parlare, vedeva molto male, camminare era impossibile. “Dio mi priva della parola perché io possa ascoltare”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *