Sai chi è Michela Ansoldi figlia di Iva Zanicchi? Età, lavoro, biografia e vita privata


Michela Ansoldi è la figlia di Iva Zanicchi. Ha una mamma famosa, ma cos’altro sappiamo di lei? Vediamo tutto quello che c’è da sapere su Michela Ansoldi.

Unica figlia della famosa cantante Iva Zanicchi, Michela Ansoldi è nata dall’amore tra la madre e Antonio Ansoldi. Ma chiè? Cosa fa nella vita di tutti i giorni? Vi sveliamo tutto quello che è emerso sulla sua biografia, tra lavoro, vita privata e… qualche piccola curiosità che forse non tutti conoscono.

Chi è Michela Ansoldi e dove vive?

Michela Ansoldi, nata nel 1967 a Milano, è figlia di Iva Zanicchi e Antonio “Tonino” Ansoldi, noto produttore discografico (sposato fino al 1985). Non tutti sanno che il suo percorso è totalmente diverso da quello in cui la madre e il padre hanno costruito una solida e brillante carriera: Michela Ansoldi, infatti, è lontana anni luce dal mondo dello spettacolo, vive nel capoluogo lombardo e lavora come psicologa.

La vita privata di Michela Ansoldi: matrimonio e figli

Nonostante si sappia molto poco della vita privata di Michela Ansoldi, è sposata dal 9 settembre 1995 e ha avuto due figli, Luca (nato nel 1998) e Virginia Catellani (nata nel 2002). La madre, Iva Zanicchi, ha detto della sua personalità: “È una donna fuori dagli schemi, eccezionale. Una madre e una figlia meravigliosa”. Del marito di Michela Ansoldi non si sa molto, ei social non aiutano a risolvere la voglia di curiosità sul fronte sentimentale che incornicia le loro nozze.

Altre 3 cose da sapere su Michela Ansoldi

Anche se Michela Ansoldi non sembra essere molto attiva sui social, ha un account Instagram. Tuttavia, non ha condiviso alcun contenuto. Ha studiato all’Università di Padova e, prima ancora, al Liceo Linguistico Monza di Oxford. In una delle interviste in cui si parla del rapporto con la figlia Iva Zanicchi ha rivelato di averla spesso lasciata sola a causa dei suoi impegni artistici e professionali. Una lontananza di cui Michela Ansoldi avrebbe sofferto, ma che non avrebbe intaccato il profondo legame che le unisce.

Iva Zanicchi

Nel 1970, Alighiero Noschese definì Iva Zanicchi il pollice della canzone italiana, indicando una delle figure musicali più importanti del nostro Paese, tra cui Mina, Ornella Vanoni, Orietta Berti, Patty Pravo e Milva. La gamma vocale della Zanicchi, che spazia dalla musica melodica (anche impegnata) alla musica pop e alle canzoni per bambini, è ciò che la rende così avvincente. Con l’Aquila di Ligonchio e Amália Rodrigues, le più grandi voci femminili italiane degli anni ’60 e ’70, tra cui Mina la Tigre di Cremona, Milva la Pantera di Goro, Patty Pravo la Civetta di Venezia, Orietta Berti l’Usignolo di Cavriago, tra le altre, è stata considerata una delle più grandi voci italiane; si è esibita in alcune delle sedi più prestigiose del mondo. Dal 1987 al 2000, Z. è stata la conduttrice del programma Ok, il prezzo è giusto (citazione necessaria). Per molti anni è stata un personaggio televisivo noto e amato dal pubblico. Dal 2008 al 2014 è stata deputata al Parlamento (citazione necessaria). I suoi album più recenti sono Fossi un tango (2003), Colori d’amore (2009), In cerca di te (2013), Gargana (2022) e Come mi vorrei (1991). Nel 2019 è uscito Nata di luna buona e nel 2022 sarà pubblicato Un altro giorno verrà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *