Sapete chi è Pelè? Età, moglie, figli, malattia


Scopri la biografia e altri fatti interessanti su Edson Arantes Do Nascimento, meglio conosciuto come Pelé, il giocatore brasiliano più eccezionale della storia

È conosciuto come il re del calcio. Basta vederlo giocare per capire perché Edson Arantes Do Nascimento, Pelé,è considerato così. Non è solo il miglior calciatore brasiliano della storia, ma uno dei giocatori che ha fatto guadagnare al calcio la popolarità di cui gode oggi grazie al suo modo spettacolare di giocare e alla sua personalità dentro e fuori dal campo dal suo debutto fino al suo ritiro il 1 ° ottobre 1977.

Ecco undici fatti per scoprire perché Pelé si è guadagnato il soprannome di O Rei (Il Re) nel 1961 dalla stampa francese:

Nato il 23 ottobre 1940 nella città brasiliana di Tres Corazones, nello stato di Minas Gerais, Pelé ha iniziato a giocare per strada in tenera età, come molti dei bambini brasiliani che amano il calcio.

All’età di 13 anni è entrato a far parte della squadra giovanile del Club Atlético de Baurú. Il suo allenatore Valdemar de Brito lo portò alla squadra del Santos de Sao Paulo per tentare la fortuna. Pelé, con soli 15 anni, rimase nei ranghi inferiori del club e fu allora che iniziò a nascere una leggenda vivente del calcio.

Campione del mondo all’età di 17 anni

Pelé ha giocato la sua prima Coppa del Mondo all’età di 17 anni alla Coppa del Mondo del 1958in Svezia. Nella finale in cui il Brasile ha sconfitto la squadra locale, l’attaccante ha segnato due gol nel 2-5 della squadra amazzonica. Il giovane esordiente ha lasciato il mondo intero allucinato grazie alla sua tecnica raffinata e capacità di segnare quando non era altro che uno sconosciuto che aveva viaggiato in Europa con la sua Nazionale come sostituto.

Cile 1962: secondo trofeo di Coppa del Mondo per il re

Se in Svezia 1958il Brasile ha mostrato la sua magia giocando a calcio, in Cile 1962 non ha confermato di essere la migliore squadra del mondo. Hanno vinto la loro terza Coppa del Mondo sconfiggendo la Cecoslovacchia in finale 3-1. Anche se Pelé saltò un buon numero di partite a causa di infortuni, il suo contributo ebbe un peso considerevole per la vittoria del suo paese. Fu in questo momento che il famoso jogo bonito dei brasiliani cominciò a farsi notare in tutto il mondo.

Messico 1970: terza Coppa del Mondo per Pelé

Nel 1970 il mondo sapeva già chi era Pelè, quindi fu accolto in Messico come una delle migliori star del momento. Il giocatore è stato fondamentale per la sua Nazionale, una delle migliori nella storia del calcio, per sollevare il trofeo sconfiggendo l’Italia nella finale giocata allo Stadio Aztecacon il punteggio di 4-1. Grazie a questo terzo titolo, il Brasile è stato assegnato in modo permanente la Coppa Jules Rimet, che è stata data in quel momento la squadra campione del mondo.

Multi-campione con Santos

Pelé ha trascorso quasi tutta la sua carriera da calciatore con il club Santos, una squadra in cui ha vinto un numero considerevole di titoli: dieci Campeonatos Paulistas, cinque tornei Rio-São Paulo, due volte la Copa Libertadores e due volte la Coppa Intercontinentale negli stessi anni (1962 e 1963). Nel 1962 aiutò la sua squadra a vincere il primo campionato mondiale per club.

Un modo unico e ineguagliabile di giocare

Pelé ha tenuto recital e lezioni di calcioin qualsiasi campo in cui si è esibito, sia con il Santos che con la squadra nazionale brasiliana. Il suo stile era raffinato, aveva un’enorme capacità di definire e anche di generare gioco offensivo. Aveva un pugno eccellente con entrambe le gambe e sapeva come coprire la palla molto bene, il che rendeva difficile per i difensori segnare in modo efficace.

Tra amichevoli e ufficiali, il brasiliano ha segnato l’impressionante cifra di mille 284 gol in mille 363 partite giocate. Anche se va chiarito che in realtà solo 768 di loro contano come ufficiali. Pelé segnò i suoi mille gol il 21 novembre 1968 contro il Vasco da Gama allo stadio Maracanã.

Tuttavia, la capacità di Pelé di segnare in quasi tutte le partite che ha giocato è sorprendente. Il re ha avuto una relazione abbastanza prolungata con le reti rivali.

Autore di bellissimi gol e giocate

Pelé era un esteta del gol: i gol che fece nella finale di Svezia 1958 (uno dei quali fece un elegante ‘cappello’ al difensore svedese), il colpo di testa nella finale della Coppa del Mondo del 1970 in Messico e persino il gol che sbagliò in quello stesso campionato contro l’Uruguay (dove finse al portiere Charrúa e sbagliò il tiro) furono campioni brillanti degni di un genio che insegnò come trattare la palla.

Riconosciuto oltre il calcio

Nel 1974 decise di porre fine alla sua carriera, anche se in seguito tornò a tentare la fortuna nel calcio degli Stati Uniti con iNew York Cosmos, squadra dove giocò insieme al tedesco Franz Beckenbauer, un’altra gloria del calcio. Il carisma naturale di Pelé e il suo interesse nell’aiutare cause caritatevoli gli valsero numerosi premi, come il Premio Internazionale per la Pace nel 1978 o l’Atleta del Secolo nel 1980.

Una promessa mantenuta che lo ha reso il migliore

Nella Coppa del Mondo del 1950 in Brasile accadde l’impensabile: la squadra locale fu sconfitta allo stadio Maracanã per mano dell’Uruguay in un evento storico noto come Maracanazo. La storia racconta che il padre di Pelé pianse inconsolabilmente, come migliaia di brasiliani quel giorno, prima della dolorosa sconfitta della sua squadra, che tutti davano come chiaramente favorita. Edson si avvicinò a suo padre, lo abbracciò e gli promise che avrebbe vinto la Coppa del Mondo per lui. Otto anni dopo, quella promessa è stata mantenuta, come abbiamo visto, alla Coppa del mondo in Svezia.

Arrendetevi a… O Rei

È stato scelto come il miglior calciatore del 20 ° secolo dalla FIFA, la Federazione internazionale di calcio di storia e statistica del calcio nel 2000. Inoltre, il Comitato Olimpico Internazionale gli ha conferito il titolo di “miglior sportivo del XX secolo” in una votazione effettuata dai vincitori del Pallone d’Oro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *