Aggressione a Torino: noto imprenditore gravemente ferito per essersi fermato al semaforo rosso



Marco Nebiolo, una figura di spicco a Torino, è stato vittima di una violenta aggressione in seguito a un incidente stradale. L’accaduto ha avuto luogo a causa di un semaforo rosso e ha lasciato Nebiolo in condizioni gravissime. La sua famiglia sta cercando testimoni per ottenere una chiara ricostruzione degli eventi.



Dettagli dell’Incidente e delle Conseguenze

Una banale discussione tra automobilisti si è rapidamente trasformata in un’aggressione brutale nelle strade di Torino. Marco Nebiolo, 47 anni, noto membro del collegio edile dell’Api di Torino e del consiglio direttivo della Fimaa, è stato aggredito dopo essersi fermato a un semaforo rosso. Attualmente è ricoverato in prognosi riservata a causa di gravi traumi subiti nell’aggressione.

Nebiolo, una personalità molto conosciuta nella città, è stato tamponato da una Citroen Xsara mentre guidava la sua Fiat Grande Punto. Dopo l’incidente, ha subito insulti da parte dell’altro automobilista. Nell’intento di proteggersi, Nebiolo si è rifugiato nell’auto, riuscendo a inviare un messaggio alla moglie per chiedere aiuto. Tuttavia, poco dopo è stato trovato gravemente ferito dietro la sua auto, in una pozzanghera di sangue. Ora la famiglia cerca di ricostruire accuratamente la dinamica dell’aggressione e gli eventi successivi all’incidente.

Appello della Famiglia e Indagini in Corso

La moglie di Marco Nebiolo, Manuela, e il suo fratello stanno facendo un appello commovente ai testimoni dell’incidente affinché si presentino e forniscano qualsiasi informazione utile per chiarire l’accaduto. L’incidente ha provocato una lacuna nella memoria di Nebiolo, rendendo vitale il contributo di chiunque abbia assistito alla scena.

Le autorità locali hanno aperto un’indagine approfondita sull’aggressione e stanno lavorando per ricostruire gli eventi e identificare i responsabili di questa violenza ingiustificata. In questo momento, ogni dettaglio e testimonianza potrebbero essere cruciali per portare giustizia e chiarezza a questo grave episodio.



Lascia un commento