Filippo Turetta ha confessato di essere pentito per aver ucciso Giulia e di voler pagare per il suo crimine. Ha fatto questa confessione tra le lacrime



Le ultime dichiarazioni di Filippo Turetta sconvolgono il pubblico, mentre l’indagine si espande tra Italia e Germania.



La Confessione di Turetta

In un’interrogatorio straziante, Filippo Turetta, 21 anni, ha finalmente confessato l’omicidio di Giulia Cecchettin. Di fronte al giudice per le indagini preliminari Benedetta Vitolo, Turetta ha reso dichiarazioni spontanee, gettando luce sulla tragica vicenda.

“Sono affranto, dispiaciuto per la tragedia che ho causato,” ha detto Turetta, le cui parole sono state cariche di rimorso. Ha espresso il desiderio di affrontare le conseguenze del suo crimine e di scontare la pena che verrà stabilita.

Mentre usciva dalla sala dell’interrogatorio nel carcere di Verona, Turetta ha ammesso il profondo pentimento che lo pervade, secondo quanto riferito da fonti attendibili.

La Situazione Legale di Turetta

L’avvocato Giovanni Caruso ha dichiarato ai giornalisti che Turetta non ha risposto direttamente al giudice, ma ha voluto fare dichiarazioni spontanee. Queste dichiarazioni confermano quanto aveva precedentemente confessato alla polizia tedesca.

Il procuratore Andrea Petroni era presente durante l’interrogatorio. Nel frattempo, Turetta ha espresso il desiderio di vedere i suoi genitori, un incontro che potrebbe avvenire presto con l’approvazione della Procura.

Dettagli dell’Arresto e Indagini in Corso

Turetta aveva raccontato alla polizia tedesca di aver ucciso la sua ex fidanzata e di aver vagato per sette giorni cercando di suicidarsi. Si era consegnato alle autorità tedesche, alzando le mani in segno di resa. Le indagini si stanno svolgendo su diversi fronti, coinvolgendo sia le autorità italiane che tedesche. Il Reparto Investigazioni Scientifiche (Ris) di Parma sta analizzando prove cruciali, come coltelli e tracce di sangue.

Attualmente, Turetta è accusato di omicidio aggravato, ma non di premeditazione. Nel carcere di Montorio, Turetta ha avuto incontri con uno psicologo, un educatore e il cappellano, dimostrando di essere in condizioni stabili date le circostanze.

Questo caso continua a suscitare profonda emozione e preoccupazione tra il pubblico, mentre le indagini proseguono per fare luce sulla tragedia.



Lascia un commento