Home » Politica & Feudalesimo » Cassazione: chi offende un prof a scuola fa reato di oltraggio a pubblico ufficiale

Cassazione: chi offende un prof a scuola fa reato di oltraggio a pubblico ufficiale

scuola-marinoC’era un tempo, nemmeno lontanissimo, in cui la figura dell’insegnante era come “sacra”. Il maestro o professore poteva piacere o meno, ma era rispettato da tutti: in primis dagli alunni, poi dai genitori e di conseguenza dalla società. Oggi l’insegnante è considerato una sorta di “ultima ruota del carro”. Non c’era nemmeno bisogno di Youtube per venire a sapere degli insulti quotidiani che devono beccarsi ad opera degli studenti o dei genitori stessi. Sì, perché se un tempo era “il cliente ad avere sempre ragione”, oggi è “l’alunno che ha sempre ragione”. Qualunque cosa faccia.

E allora la sentenza appena emessa dalla Corte di Cassazione assume una notevole rilevanza. La quinta sezione penale della Suprema Corte ha riaperto il processo a carico di una mamma toscana, accusata di ingiuria ai danni di una docente di scuola secondaria di primo grado. La sentenza è stata pesante: si tratta di reato di oltraggio a pubblico ufficiale.

Il giudice di pace di Cecina aveva dichiarato il non luogo a procedere nei confronti della mamma di un alunno, ma il procuratore generale di Firenze aveva presentato ricorso in Cassazione, affermando che l’episodio andava inquadrato non nel delitto di ingiuria, ma in quello di oltraggio a pubblico ufficiale, e dunque di competenza del tribunale e non del giudice di pace.

Nella sentenza depositata oggi si legge: “Sussistono tutti gli elementi” del reato “di oltraggio a pubblico ufficiale“, caratterizzato dalla “offesa all’onore e al prestigio del pubblico ufficiale” che “deve avvenire alla presenza di più persone”, “essere realizzata in luogo pubblico o aperto al pubblico” e “avvenire in un momento nel quale il pubblico ufficiale compie un atto d’ufficio ed a causa o nell’esercizio delle sue funzioni”.

Per i giudici della Cassazione “le ingiurie furono pronunciate nei locali scolastici in modo tale da essere percepite da più persone”; inoltre “l’insegnante di scuola media è pubblico ufficiale” e “l’esercizio delle sue funzioni non è circoscritto alla tenuta delle lezioni, ma si estende alle connesse attività preparatorie, contestuali e successive, ivi compresi gli incontri dei genitori degli allievi”.

Per studenti e genitori una bella lezione: di diritto e soprattutto di buona educazione.

Loading...

Altre Storie

Cina Shock:Il primo trapianto di testa su cadavere al mondo, è russo il primo volontario

Sarà il neurochirurgo italiano Sergio Canavero a effettuare quest’intervento senza precedenti. Il dottor Cana vero …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *